Antonella Clerici quasi non trattiene le lacrime: grande commozione in diretta

Un ricordo commovente in diretta che ha portato Antonella Clerici quasi alle lacrime durante È sempre Mezzogiorno

Antonella Clerici
(@RaiPlay)

Una nuova puntata di È sempre Mezzogiorno è andata in diretta oggi, giovedì 13 gennaio, con tantissime nuove ricette e giochi che hanno fatto compagnia a migliaia di italiani. Antonella Clerici col suo programma del mattino è molto seguita ottenendo, giorno dopo giorno, grandi soddisfazioni in fatto di ascolti su Rai Uno.

Anche oggi, la puntata è iniziata con la sigla canticchiata dalla conduttrice che, alla fine, si è recata al centro dello studio per salutare tutti i telespettatori. Tuttavia, anche oggi la Clerici ha condiviso un messaggio commovente che le ha fatto gli occhi lucidi, esattamente com’è accaduto l’altro ieri, 11 gennaio, salutando il suo amico e collega David Sassoli.

Antonella Clerici ricorda la strage dell’Isola del Giglio

(ANSA)

LEGGI ANCHE > > > Maurizio Costanzo ancora scosso in diretta: “Ho pianto tanto”. Il motivo del suo sfogo

Oggi ricorrono 10 anni dalla strage dell’Isola del Giglio che è costata la vita a 32 persone. Inevitabile il ricordo in diretta, da Antonella Clerici sempre attenta alle ricorrenze ed a dare il giusto messaggio ad ogni puntata che inizia.

NON PERDERTI > > > GF Vip, ex concorrente sconvolta per il furto subito: casa letteralmente devastata!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Amatissimo volto di Amici vittima di un brutto infortunio: apprensione tra i fan

“Oggi il pensiero corre all’indietro”, ha iniziato la Clerici, “pensate, sono già passati dieci anni da quella tragica notte del 13 gennaio 2012 quando all’isola del Giglio c’è stato il naufragio della Concordia. Abbiamo ancora quelle tristi immagini nella nostra memoria”. La conduttrice ha chiosato evidenziando un tratto distintivo della popolazione: “Ricordo la grande solidarietà di noi italiani. Siamo sempre molto uniti negli eventi tragici. Il tempo passa davvero molto velocemente, da quella notte sono successe tante cose che stiamo vivendo ancora oggi”.