Elezioni Quirinale, Berlusconi su Draghi: “Con lui al Colle, Forza Italia fuori dal Governo”

Tajani: “Se Berlusconi non va bene per il Quirinale, allora si dicesse che non va bene nemmeno per stare nello stesso Governo.

Silvio Berlusconi sulla pandemia
Silvio Berlusconi (via Getty images)

Silvio Berlusconi ufficialmente tace, ma sarebbe interessato a partecipare alla corsa al Quirinale. E conta anche di diventare il prossimo presidente della Repubblica.

LEGGI ANCHE: Covid, Meluzzi: “Chiamano non vaccinati anche quelli che hanno fatto la prima e la seconda dose”

Mario Draghi dal canto suo non si scopre e secondo il Cavaliere ha poche chances: “Se sale al Colle si va alle elezioni anticipate”, perché sarà impossibile formare un nuovo Governo: “Forza Italia uscirebbe dalla maggioranza”. Al contrario, se resta premier sarà difficile sganciarsi per Pd e 5 Stelle.

Tajani: “Berlusconi sciolga positivamente la riserva”

Forza Italia, come ha affermato Antonio Tajani in un’intervista al Corriere e alla Stampa nei giorni scorsi, spera che “lui sciolga positivamente la riserva al vertice del centrodestra”. Ed aggiunge: “Berlusconi è l’uomo che più di ogni altro in questi mesi ha dato un segnale di unità al Paese, è uno dei padri fondatori del Governo Draghi. Sarebbe la conclusione di un percorso di concordia nazionale. Non poniamo veti e chiediamo agli altri partiti di non porre veti”. Secondo Tajani, “se Berlusconi non va bene per il Quirinale, allora si dicesse che non va bene nemmeno per stare nello stesso Governo. Sarebbe gravissimo dal punto di vista istituzionale non partecipare al voto per eleggere il Capo dello Stato”. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: In Campania si torna a scuola da domani: il Tar sospende l’ordinanza di De Luca

Letta: “Se Berlusconi avesse detto veramente quelle parole sarebbe grave”

Enrico Letta, segretario del Pd ha commentato: “Penso che Berlusconi smentirà quelle parole. Se fossero state dette veramente sarebbero molto gravi. La tempistica è sbagliata, profondamente”. Ed aggiunge che chi sarà responsabile di un muro contro muro sul Colle se ne dovrà assumere la responsabilità davanti al Paese.

Lega e Fratelli d’Italia sono più cauti. Salvini frena sulla possibilità di Draghi al Colle ma non nomina Berlusconi, mentre il partito di Meloni attende i fatti. “Voglio una scelta rapida, di alto profilo e di centrodestra”, afferma Salvini.