Mara Venier, rivelazione choc: “Faticavo a parlare”. Cos’è successo all’amata conduttrice

Raggiunta dal settimanale Gente, Mara Venier ha rilasciato importanti dichiarazioni: cos’è successo di recente a Domenica In

Mara Venier, rivelazione choc: "Faticavo a parlare"
Mara Venier a Domenica In (Screen Video Instagram)

“Mi sono bloccata”, con queste parole Mara Venier ha rivelato ai microfoni del settimanale Gente di essere rimasta impietrita quando a Domenica In sono state trasmesse le immagini di Zucchero mentre suonava in piazza San Marco senza la presenza del pubblico.

L’artista è stato suo ospite nella seguitissima trasmissione domenicale e le immagini andate in onda nel contributo hanno riportato la zia degli italiani indietro nel tempo: “Faticavo a parlare, in quella frazione di secondo ho visto mamma e papà che non ci sono più. Non riuscivo a trattenere le lacrime“, ha chiosato la zia Mara.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO>>> Un Posto al Sole anticipazioni, nuova battuta d’arresto per Rossella: le cose si mettono male

Mara Venier, rivela la chiave del suo successo a Domenica In: “Il calore del pubblico è un vero motore”

Mara Venier, rivelazione choc: "Faticavo a parlare"
Mara Venier (@Twitter)

Mara Venier continua a riscuotere un enorme successo con Domenica In. Il contenitore domenicale ogni settimana conquista un numero elevato di telespettatori confermandosi sempre al primo posto sul podio degli ascolti. Ma qual è la chiave del successo per l’amatissima conduttrice?

TI CONSIGLIO DI LEGGERE ANCHE QUESTO ARTICOLO>>> Paolo Calissano, straziante rivelazione: “Sono dei maledetti. L’hanno fatto per soldi”

Ebbe, raggiunta dal settimanale Gente, la zia degli italiani ha dichiarato: “Amo immensamente ciò che faccio. È una passione nella quale metto emozione, testa, tutto il cuore. Senza risparmiarmi. E il calore del pubblico è un vero motore“. Mara con Domenica In è giunta alla 13esima edizione e da quattro ne è il capo progetto. Infine la Venier ha confessato che per quest’anno nuovo spera si possa finalmente tornare alla normalità, lasciandoci alle spalle questi due anni bui dovuti alla pandemia da Sars-Cov2.