Obbligo Super Green pass e regole per il ritorno a scuola: le possibili scelte del Governo

Durante le riunioni politiche e tecniche, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha insistito per non rinviare la data del ritorno in classe, ma di rivedere le regole sulla quarantena.

Decreto Ristori Bis
Consiglio dei ministri (Foto: Getty)

Il Consiglio dei ministri che si terrà domani, mercoledì 5 gennaio, sarà chiamato ad affrontare due temi fondamentali in questi giorni: il rientro a scuola in presenza il prossimo 10 gennaio e il Super Green pass obbligatorio per 23 milioni di lavoratori. 

LEGGI ANCHE: Congresso Pd, Mirabelli a iNews24: “Richiesta incomprensibile, non può bastare una dichiarazione di D’Alema”

Nel primo caso si deciderà sulla base delle proiezioni sui contagi tra i ragazzi, mentre nel secondo caso se scegliere o meno la via della gradualità che prevede di rendere obbligatorio il pass rafforzato solo per alcune categorie di lavoratori, almeno per ora. Sulla questione al momento prevale la soluzione generalizzata a tutto il mondo del lavoro, avanzata da Speranza e Brunetta. Ma Lega e una parte del Movimento 5 Stelle sono contrari e spingono per limitare l’obbligo solo ai dipendenti della pubblica amministrazione. Si comincia a considerare anche la via d’uscita dell’obbligo vaccinale a tutti gli italiani. 

Scuola e Dad

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Meteo, anticiclone addio: tornano freddo e pioggia sull’Italia

Durante le riunioni politiche e tecniche, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha insistito per non rinviare la data del ritorno in classe, prevista per il 10 gennaio, ma di rivedere le regole soprattutto per gli studenti maggiori di 12 anni seguendo le norme già stabilite sulla quarantena. In queste ore tra le ipotesi c’è quella di mandare l’intera classe in dad solo quando ci sono 4 o 5 positivi.

Questa modalità potrebbe però non essere applicata sui bambini delle elementari, per i quali potrebbero restare in vigore le attuali regole (dad con 2 positivi). Bianchi richiama alla massima cautela e per questo la decisione finale sarà presa oggi, al termine della conferenza convocata per le 14, durante la quale si discute di sospendere il monitoraggio delle scuole sentinella e distinguere il protocollo per classi di età, vista la differenza di copertura vaccinale. E dello stop ai tamponi molecolari il primo giorno, che potrebbero essere sostituiti con gli antigienici in farmacia o anche a scuola. 

LEGGI ANCHE: Rientro a scuola, per ora vince il governo: nessuno slittamento in vista

Mascherine Ffp2

Il Governo sta cercando di non rinviare il ritorno in classe, andando contro le richieste di alcuni governatori di Regione ma anche di molti presidi. Non si esclude di imporre l’obbligo della mascherina Ffp2 e di potenziare gli screening che il commissario Figliuolo porterà avanti con i militari. 

Green pass ai lavoratori

La cabina di regia prima e il Consiglio dei ministri poi, decideranno che imporre il Super Green pass solo ai lavoratori della pa o anche ai privati. Il premier Mario Draghi consulterà le parti sociali per arrivare a una scelta condivisa.