Elezioni presidente della Repubblica, Fico convoca il Parlamento il 24 gennaio

L’assemblea si terrà alle ore 15 e l’avviso verrà pubblicato oggi, martedì 4 gennaio, sulla Gazzetta Ufficiale. 

Roberto Fico
Presidente della Camera Fico (Via Getty)

Il presidente della Camera Roberto Fico, sentita la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, ha convocato il Parlamento in seduta comune per l’elezione del presidente della Repubblica, alla quale parteciperanno i delegati regionali. L’assemblea si terrà lunedì 24 gennaio alle ore 15 e l’avviso verrà pubblicato oggi, martedì 4 gennaio, sulla Gazzetta Ufficiale. 

LEGGI ANCHE: Più di mezza Italia in giallo, alcune Regioni rischiano la zona arancione: tutte le regole

La seduta per l’elezione del presidente della Repubblica è unica e si svolge a Montecitorio senza soluzione di continuità. Si concluderà al momento dell’elezione del prossimo capo dello Stato. Si voterà tutti i giorni e ci saranno anche più scrutini nella stessa giornata. 

Come si svolgono le elezioni del presidente della Repubblica

A votare saranno 1009 grandi elettori di cui 321 senatori, 630 deputati e 58 delegati regionali, 3 per ogni Regione ad eccezione della Valle d’Aosta che ne ha solo 1. Nei primi tre scrutini, per essere eletti occorre il quorum dei due terzi, cioè 673 voti, dal quarto la maggioranza assoluta, 505. Attualmente il plenum è fermo a 1007, dal momento che i senatori sono 320, in attesa che il Senato convalidi il subentro dei senatori Fabio Porta (Pd) a Maie Adriano Cario, che è decaduto. I deputati in carica invece, al momento sono 629, visto che Roberto Gualtieri ha lasciato il seggio vacante essendo diventato sindaco di Roma. Si attende un nuovo eletto che prenda il suo posto. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Quirinale, chi potrebbe sostituire Draghi alla presidenza del Consiglio secondo Gregorio De Falco

Al momento nessuno schieramento ha i numeri per riuscire ad eleggere da solo il presidente della Repubblica. La Lega conta su 64 senatori e 133 deputati, Forza Italia su 50 senatori e 79 deputati, Fratelli d’Italia su 21 senatori e 37 deputati. La presidente del Senato non è chiamata a votare.