Più di mezza Italia in giallo, alcune Regioni rischiano la zona arancione: tutte le regole

Con il nuovo decreto comunque, grazie al Super Green pass, chi è vaccinato o guarito potrà svolgere tutte le attività.

coprifuoco zona bianca
Archivio (Getty Images)

Con Lombardia, Lazio, Piemonte e Sicilia salgono a 11 le Regioni entrate in zona gialla. Prima di loro c’erano Calabria, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, PA Bolzano, PA Trento e Veneto. Con il nuovo decreto comunque, grazie al Super Green pass, chi è vaccinato o guarito potrà svolgere tutte le attività.

LEGGI ANCHE: La corsa di Omicron non è finita, Le Foche: “Credo che passeremo dalla fase pandemica a quella endemica”

Le regole previste in zona gialla

Il passaggio in fascia gialla non cambia nulla per quanto riguarda le regole. La mascherina all’aperto, oltre che al chiuso, è infatti obbligatoria in tutta Italia. Nei ristoranti e nei bar non c’è più la norma di stare seduti allo stesso tavolo con massimo altri 3 commensali (4 in totale), quindi bisogna solo esibire il Super Green pass anche per consumare al bancone, come in tutta Italia. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Green pass immediato ai guariti: basterà un tampone con esito negativo per riattivarlo

Le Regioni a rischio zona arancione

Tra le Regioni a rischio zona arancione ci sono la Liguria, la Calabria e la provincia di Trento. Se la curva epidemiologica continuerà a salire, i reparti ospedalieri potrebbero raggiungere i limiti previsti. 

Le regole della zona arancione

In zona arancione tutte le attività restano aperte, ma in bar e ristoranti è possibile entrare solo se si è in possesso del Super Green pass. 

Chi ne è sprovvisto non può uscire dal proprio Comune di residenza se non per motivi di “lavoro, necessità, salute o per servizi non sospesi ma non disponibili nel proprio Comune”; non può accedere a impianti in risalita delle piste da sci e ai centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi.