Bonus revisione auto: partono le domande, come richiederlo

Bonus revisione auto: partono le domande, come richiederlo. Un piccolo contributo per compensare l’aumento del costi in arrivo

Il 2022 sta per cominciare con una sorpresa sgradita agli automobilisti. Come se ci fosse già poco da pagare per mantenere le proprie vetture, è arrivata anche la nuova stangata sulla revisione dell’auto. Una richiesta espressa del Ministero dell’Economia e di quello delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibile, perché i prezzi erano fermi da tredici anni.

(Pixabay)

Così i costi della revisione effettuata in Motorizzazione passano da 45 a 54,95 euro mentre nei presso i centri autorizzati salgono da 66,88 a 78,97 euro con un rincaro superiore al 20%. Ecco perché, da una parte il governo prende e dall’altra dà, varando il nuovo ‘bonus veicoli sicuri‘ che per comodità possiamo ribattezzare ‘bonus revisione auto’.

Potrà essere utilizzato per un’unica volta (dunque per un’unica revisione effettuata nel periodo di validità sopra menzionato) e per un solo veicolo: ciò significa, pertanto, che in caso di possesso di più di un mezzo, il proprietario dovrà versare l’intera somma per tutte le autovetture eccetto una.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bonus asilo nido 2021, ultimi giorni utili: come presentare la domanda

Bonus revisione auto: come funziona la domanda e chi può richiederlo

Il Ministero ha spiegato che il rimborso potrà essere richiesto a partire dal prossimo 3 gennaio 2022 “per le revisioni effettuate dal primo novembre 2021 e per i tre anni successivi”. In realtà però potrà essere chiesto una volta sola nel corse dei tre anni e per un solo veicolo.

(Pixabay)

Il suoi valore è pari a 9,95 euro, ma il fondo complessivo è di 4 milioni di euro a fronte di circa 16 milioni di veicoli che necessitano della revisione. Ecco perché sarà per tutti una corsa contro il tempo e molti rimarranno esclusi.

In ogni caso chi vuole presentare la domanda dovrà accedere alla piattaforma attraverso l’identità digitale Spid, o con la Carta d’identità elettronica (Cie) o la Carta nazionale dei servizi (Cns). Poi dovrà compilare il modello disponibile sulla piattaforma e allegare la copia attestando l’avvenuto pagamento della revisione. Il rimborso arriverà successivamente direttamente sul conto corrente indicato al momento della richiesta.