Rivelazione choc su Alex Belli: “Tutto falso, quello che ha non è il suo vero nome”

Spuntano nuovi retroscena su Alex Belli. L’ultimo, più degli altri, svela numerosi dettagli della vita privata dell’attore di Cento Vetrine.

Alex Belli
(@Twitter)

Da quando Alex Belli abbracciando la moglie ha violato le regole del GF Vip 6 ed è stato cacciato dal programma, le voci sul suo conto non si sono mai fermate. Quello che sembrava poter essere l’atto conclusivo di una commedia andata in scena ventiquattr’ore su ventiquattro davanti alle telecamere del programma in onda su Canale 5, ha avuto un seguito anche al di fuori delle mura della casa più spiata d’Italia.

Prima l’intervista a Verissimo con la moglie Delia Duran e poi le dichiarazioni nel corso della puntata serale del GF Vip 6. Alex Belli ha fatto parlare di sé e sta continuando a farlo riuscendoci bene con l’aiuto anche di persone che lo hanno conosciuto in passato, come Hellen Scopel, ex fiamma dell’attore che ha deciso di dire la sua in questo periodo di enorme popolarità dell’ex gieffino.

Leggi anche >>> Gemma e Ida, il gesto emoziona tutti: pensiero stupendo! – FOTO

Alex Belli, spunta un clamoroso retroscena: “Ho creato un mostro”

Verissimo, Delia Duran e Alex Belli ospiti in studio (foto Mediaset).
Verissimo, Delia Duran e Alex Belli ospiti in studio (foto Mediaset).

Hellen Scopel, ex modella ed ex attrice è stata legata ad Alex prima della compagna Katarina Raniakova, ovvero prima del 2013. All’epoca sia lei che lui stavano muovendo i primi passi nella moda: “Il nome d’arte gliel’ho dato io – ha affermato Hellen – Lui si chiama Alessandro Gabelli, troppo lungo. Ho creato un mostro! La cosa più divertente è che ha copiato il mio curriculum. Ha scritto che ha studiato recitazione al Centro Teatro Attivo, la mia scuola, ma lui non ci era mai entrato!”

Helen ha poi parlato del vizio del tradimento che fa parte del DNA di Alex. “Ha tradito Katarina proprio con me. Continuava a cercarmi e una volta ho ceduto. Mentre ero con lui Katarina continuava a chiamarlo. Non ho più voluto vederlo”.