Fabrizio Corona, arriva la decisione dei giudici: cosa prevede l’ultima notifica

Arriva la notifica del differimento pena. I giudici hanno stabilito i domiciliari per Fabrizio Corona: continuerà fuori dal carcere a fare terapia

Fabrizio Corona, arriva la decisione dei giudici
Fabrizio Corona (Instagram)

Si riaccendono i riflettori sul caso ‘Fabrizio Corona’. Per l’imprenditore siciliano i giudici hanno stabilito un anno di arresti domiciliari e concesso il differimento pena. L’ex re dei paparazzi, vista la sua patologia psichiatrica, potrà continuare a fare terapia fuori dal carcere: questo è quanto stabilito dai giudici del tribunale di Sorveglianza di Milano.

Stessa decisione era stata già vagliata dalla Cassazione nel mese di settembre 2021, dopo i gesti autolesionisti commessi dall’imprenditore fino al ricovero in un centro psichiatrico dove ha portato avanti un lungo sciopero della fame. Nella giornata odierna però, lunedì 20 dicembre 2021, è stato notificato a Corona il nuovo provvedimento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO>>> Uomini e Donne, Maria De Filippi perde le staffe: “Stai a giocare a rimpiattino”

Fabrizio Corona non andrà in carcere: la decisione dei giudici del Tribunale di Sorveglianza di Milano

Fabrizio Corona, arriva la decisione dei giudici
L’ex paparazzo dei vip (via Instagram)

I giudici del Tribunale di Sorveglianza di Milano hanno stabilito i domiciliari della durata di un anno per Fabrizio Corona dopo gli atteggiamenti di autolesionismo dell’ex paparazzo dei vip. Nei mesi scorsi Corona pubblico anche su Instagram dei video dove si mostrava ricoperto di sangue. 

TI CONSIGLIO DI LEGGERE ANCHE QUESTO ARTICOLO>>> Giancarlo Magalli, colpo di scena tremendo: nessuno poteva aspettarselo

Una protesta portata avanti dall’imprenditore siciliano per evitare il suo ritorno in carcere. Fuori di sé, nella stessa giornata, il 47enne ruppe i vetri di un’ambulanza. Dopo il ricovero in psichiatria, durato circa 10 giorni, Corona fu riportato in carcere dove iniziò un lungo sciopero della fame. Adesso i giudici hanno stabilito che l’imprenditore potrà proseguire le proprie terapie fuori dal carcere.