Scossa di terremoto in provincia di Bergamo: “Mai sentita una cosa simile”

Una scossa di terremoto avvertita nel Bergamasco. I vigili del fuoco non hanno ricevuto segnalazioni di danni e richieste di soccorso.

Terremoto nel Bergamasco sabato 18 dicembre 2021 - Screenshot Ingv
Terremoto nel Bergamasco sabato 18 dicembre 2021 – Screenshot Ingv

Terremoto nei dintorni di Bergamo. La forte scossa è stata avvertita intorno alle 11:34 anche a Milano e nei territori di Monza e Brianza. Secondo le prime informazioni dell’Ingv, la stima provvisoria della magnitudo sarebbe 4.4 e l’epicentro esatto sarebbe a 2 chilometri a Est di Bonate di Sotto, in provincia di Bergamo, con una profondità di 26 chilometri. Una seconda scossa meno forte si è registrata intorno alle 11.57 a 24,9 chilometri di profondità, con epicentro a Osio Sotto. La scossa di assestamento è stata di magnitudo 2.2.

LEGGI ANCHE: Sciopero Cgil-Uil: da lunedì tavolo con Draghi per parlare di pensioni. Più difficile ora ricucire con Cisl

I vigili del fuoco fanno sapere che al momento non hanno ricevuto alcuna segnalazione di danni e richieste di soccorso alle sale operative.

Su Twitter però, i cittadini testimoniano di aver sentito una forte scossa. “Sembrava di stare sulle montagne russe”, “è volato il mouse del pc”, e ancora: “Mai sentita una cosa simile a Milano”, ed “è tremato tutto”. “Eravamo al bar, ha oscillato tutto, una bruttissima esperienza”. “Stavo leggendo, il mobile ha cominciato a ballare”.

Il Dipartimento della Protezione Civile ha fatto sapere di essere in contatto con le strutture territoriali per monitorare la situazione. Intanto su Twitter ha pubblicato un vademecum con i comportamenti da adottare in caso di terremoto. In casa “non bisogna precipitarsi fuori. Aspettare la fine della scossa e indossare le scarpe”. All’aperto, “allontanarsi da edifici, alberi, lampioni, linee elettriche”. In auto “fermarsi lontano da edifici, alberi, lampioni, linee elettriche, gallerie, ponti”. In montagna, “fare attenzione alle possibili conseguenze della scossa come frane, slavine, cadute massi”. In un edificio pubblico infine, “non usare l’ascensore e seguire le indicazioni previste dal Piano di emergenza”.

IN AGGIORNAMENTO