Lutto a Netflix, si è spenta la protagonista di un’amata serie

Lutto a Netflix, si è spenta la protagonista di un’amata serie. E’ stata uccisa da un sicario sotto gli occhi del figlio in strada

Netflix
Netflix (Foto: Pixabay)

E’ stata la protagonista de ‘La Regina del Sud’ film del 2005 sul traffico di droga e omonima serie su Netlix (dal 2016 per 5 stagioni). Tania Mendoza era un’attrice messicana di 42 anni ha fatto purtroppo una fine davvero simile a quella dei personaggi del suo show sul piccolo schermo. E’ stata uccisa in strada mentre era andata a prendere il figlio di 11 anni all’accademia di calcio, nello stato di Morelos. La Mendoza si trovava all’esterno del complesso sportivo della città di Cuernavaca, con altri genitori, quando martedì due uomini armati l’hanno raggiunta a bordo di una motocicletta. Uno di loro ha aperto il fuoco colpendola, prima di scappare a folle velocità.

Dopo aver raggiunto la notorietà su Netflix, Tania Mendoza negli ultimi anni si è dedicata alla sua carriera di cantante e ha registrato cinque album. Purtroppo non era nuova a episodi piuttosto controversi, come nel 2010 quando è stata rapita con il marito e il figlio, all’epoca di appena sei mesi, dall’attività di autolavaggio della coppia. Da allora, aveva segnalato all’ufficio del procuratore generale dello stato di Morelos diverse minacce di morte.

LEGGI ANCHE >>> Netflix, terribile lutto: morta la sorella di un famosissimo attore

LEGGI ANCHE >>> Altro cataclisma a Mediaset: pessime notizie per Barbara D’Urso

Lutto a Netflix, si è spenta la protagonista di un’amata serie

Tania Mendoza
Tania Mendoza (Foto: Facebook)

Non è ancora chiaro chi ci sia dietro l’omicidio di Mendoza, o quale sia il reale movente. Dopo la sparatoria, la polizia ha effettuato un’operazione alla ricerca dei sospetti, ma nessuno è stato arrestato.

L’ufficio del procuratore generale ha detto all’agenzia di stampa Efe che il caso sarebbe stato indagato come femminicidio, anche se non sono stati forniti ulteriori dettagli.

Il Messico soffre da tempo di alti livelli di criminalità, con gran parte della violenza legata ai cartelli della droga. Il femminicidio è sempre più un motivo di preoccupazione, ma nonostante un crescente movimento per aumentare la consapevolezza sul problema, le autorità non sono state in grado di fermare l’aumento degli omicidi.