Sanremo, dramma per un ex concorrente: è finita col padre troppo violento

L’ex protagonista del Festival di Sanremo, si è lasciato andare a una confessione molto toccante che ha commosso l’intero pubblico da casa. Le sue dichiarazioni.

Sanremo
Il Teatro Ariston, ospite della competizione musicale (Via Getty Images)

Ermal Meta, uno degli artisti più amati dal pubblico e rivelazione a Sanremo 2017, dove si è classificato terzo e ha vinto il Premio della Critica con la canzone Vietato morire, si è raccontato nella puntata di Verissimo trasmessa sabato 11 dicembre.

Il vincitore della kermesse nel 2018 con il brano Non mi avete fatto niente, brano portato sul palco dell’Ariston in coppia con Fabrizio Moro, ai microfoni della trasmissione condotta da Silvia Toffanin ha parlato dei suoi 40 anni e del desiderio di diventare padre. Quest’ultima parte si è rivelata essere molto delicata e a tratti molto profonda in quanto il suo desiderio è in netto contrasto con il rapporto che ha avuto con suo padre.

Leggi anche >>> Flavio Briatore-Elisabetta Gregoraci, decisione stupefacente: stentano tutti a crederci

Sanremo, confessione da brividi dell’artista: pubblico commosso

Fabrizio Moro
Con Ermal Meta all’Eurovision Song Contest 2018 (@GettyImages)

Il vincitore del Festival di Sanremo 2018 non ha mai celato di avere avuto un padre violento. Il rapporto con il genitore è stato troncato nel 1990 e da allora i due non si sono mai più né visti né sentiti. L’artista ha spiegato a Silvia Toffanin che per tanto tempo si è convinto di non volere avere figli perché influenzato dal rapporto conflittuale con suo padre. Quindi convivendo con questa paura allontanava quel desiderio di diventare padre.

“Ho pensato per tanto tempo di non voler diventare padre. Non avrei mai voluto correre il rischio che un bambino pensasse di me, quello che io ho sempre pensato di mio padre. Avevo molta paura di questa cosa qui. Da un po’ di tempo, qualcosa dentro di me è cambiato. Forse, però. Non lo so. Ti direi di sì, che lo vorrei, ma quando non lo so”.