Quarta ondata, Crisanti a iNews24: “Dovevamo cominciare a somministrare le terze dosi prima” 

“Probabilmente verso fine gennaio" si vedrà l'effetto delle terze dosi, "se verranno fatte velocemente”, afferma il virologo.

Andrea Crisanti - Facebook
Andrea Crisanti – Facebook

Secondo Andrea Crisanti, direttore del dipartimento di Microbiologia dell’Università di Padova, la quarta ondata era prevedibile e per prevenirla “dovevamo cominciare a somministrare le terze dosi prima”. 

LEGGI ANCHE: La storia di Cinzia e Francesca, due amiche non vaccinate morte di Covid-19

Professore, i dati di ieri, martedì 7 dicembre registrano un tasso di positività al 2,3%. I nuovi contagi sono 15.756, i morti 99. Le terapie intensive, nel saldo tra entrate e uscite, sono 33 in più rispetto a ieri (776 pazienti). Gli ingressi giornalieri, 89. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 6.078 (199 in più rispetto a ieri). Come commenta questi dati?
Il virus si sta diffondendo. Dobbiamo aspettarci questa situazione perché non siamo ancora arrivati in una situazione di equilibrio”;

In che senso?
Com’è accaduto nel Regno Unito. Lì il numero di casi giornalieri è costante”;

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Super Green pass, il Governo frena sulle deroghe. Se l’Rt sale ancora, non si escludono nuove regole

Perché in Uk ci sono arrivati e in Italia questo equilibrio non è ancora stato raggiunto?
In Inghilterra ci sono arrivati perché da tempo hanno praticamente scelto di non adottare misure restrittive e di affidarsi solo al vaccino, alle quarantene e tracciamento. Questa situazione, a lungo andare, ha generato un equilibrio tra la capacità del virus di diffondersi e quella del sistema di controllarlo. Da noi invece, questo non è accaduto perché tra aprile e luglio avevamo una popolazione molto protetta dal vaccino. Adesso la finestra di protezione si sta esaurendo, mentre nel Regno Unito hanno iniziato più rapidamente a fare le terze dosi”;

Quando potremo vedere l’effetto delle terze dosi sull’andamento dei contagi?
Probabilmente verso fine gennaio, se le vaccinazioni verranno fatte velocemente”;

LEGGI ANCHE: Lavoro, dipendenti oltre il livello pre-Covid, ma con contratti precari: i dati dell’Istat

Sulla base dello scenario attuale ritiene necessaria la proroga dello stato di emergenza?
Non è un’ipotesi da scartare”;

Cosa va fatto per fermare questa ondata?
Il problema è cosa andava fatto, così non ce la saremmo ritrovata ora. Dovevamo cominciare a somministrare le terze dosi prima”;

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Giorgio Parisi riceve il Nobel a Roma: “Sia utile per capire importanza della scienza”

Secondo l’Ecdc la situazione è grave a causa dell’alto livello di trasmissibilità del Covid. E potrebbe peggiorare durante le feste. Secondo lei servono misure maggiori dal 24 al 6 gennaio anche in zona bianca? Se sì, quali?
È una decisione politica. E comunque questo tipo di decisioni non hanno un impatto elevatissimo sulla trasmissione del virus”;

Cene e pranzi in famiglia, tra persone che non vivono nella stessa casa, durante le feste potrebbero facilitare i contagi?
All’interno del nucleo familiare ci sarebbero certamente meno problematiche, ma non sto qui a sconsigliare cene e pranzi in famiglia tra familiari che non vivono nella stessa casa. Soprattutto se tra parenti ci si frequenta abitualmente a prescindere dal Natale”;

LEGGI ANCHE: Ameca: le prime immagini del robot umanoide

La variante Omicron sarebbe contagiosa anche per i bambini. Consiglia la vaccinazione nella fascia di età 5-11 anni? Perché?
I bambini devono essere vaccinati. Dagli Stati Uniti e da Israele sono arrivati dati incoraggianti. La consiglio, non sono mai stato contrario. Qualche volta ho detto che i più piccoli non erano la priorità, perché era più importante vaccinare le persone che hanno perso l’immunità e che quindi possono ammalarsi e infettare. Sono due dimensioni completamente diverse. I bambini, anche se si infettano, non si ammalano tantissimo. Penso che la priorità siano le terze dosi”;

E le quarte dosi?
Non si sa ancora niente. Pensiamo prima a fare le terze”;

Secondo lei in futuro saranno necessari altri richiami periodici del vaccino anti-Covid?
Spero che non serviranno più. Ma dipenderà da come andranno le cose. È ancora presto per fare ipotesi”.