Super Green pass, il Governo frena sulle deroghe. Se l’Rt sale ancora, non si escludono nuove regole

Mario Draghi non ha abbandonato l’ipotesi di imporre la vaccinazione a tutti se i contagi dovessero aumentare ancora.

Controlli Green pass Roma
Controlli Green pass Roma

I controlli nel primo giorno dell’entrata in vigore del Super Green pass sono andati bene. A parte pochissimi casi, i cittadini hanno mostrato di aver accolto responsabilmente la nuova misura di contenimento anti-contagi. Questo potrebbe significare che non ci saranno modifiche al decreto che sarà in vigore fino al 15 gennaio. 

LEGGI ANCHE: Arrestato Massimo Ferrero: si dimette da presidente della Sampdoria

La ministra dell’Interno Luciana Lamorgese ha messo in campo il massimo impiego di forze dell’ordine. I dati del primo giorno di monitoraggio arriveranno oggi ed è previsto un bilancio positivo. Non ci sono state interruzioni di servizio ed è stata garantita la salute dei passeggeri. 

Resta da risolvere il nodo degli studenti tra i 12 e i 18 anni

Il nodo da sciogliere resta quello degli studenti tra i 12 e i 18 anni, ai quali è richiesto almeno il Green pass base (quello con tampone negativo). Le Regioni stanno chiedendo una deroga per salire su bus, metro e treni regionali anche senza passaporto verde, ma la linea di Mario Draghi è che sarebbe sbagliato modificare il decreto. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Centinaia di persone in fila al botteghino del Teatro San Carlo: il capo dell’Asl si infuria e chiama gli ispettori

Il ministro Renato Brunetta aveva avanzato l’ipotesi di tamponi gratis per gli studenti che frequentano le scuole medie e superiori, almeno per i 15 giorni tra la prima dose e l’invio del green pass. Ma il premier è contrario, anche perché un eventuale cambiamento in questo senso scontenterebbe i sindacati che chiedevano lo stesso trattamento per i lavoratori. Il Governo potrebbe quindi decidere di delegare i presidenti delle Regioni a rafforzare la protezione dei viaggiatori. 

La soddisfazione sul buon esito delle nuove misure c’è anche nella struttura commissariale del generale Francesco Figliuolo, grazie all’aumento dei nuovi vaccinati. Il numero delle terze dosi è molto alto e nelle ultime 24 ore sono stati scaricati un milione e 310mila Green pass. 

LEGGI ANCHE: Meteo, ultima tregua prima della tempesta ma dominano le nubi

La situazione italiana però resta comunque da attenzionare. L’indice di contagio Rt è salito da 2,9 a 3,1 e alla luce anche di quanto sta accadendo in Europa, Mario Draghi non ha abbandonato l’ipotesi di imporre la vaccinazione a tutti se i contagi dovessero aumentare ancora. Si tratta di un’ipotesi estrema e ancora lontana. Ma poiché il vaccino obbligatorio impiegherebbe comunque troppo tempo a fare effetto, potrebbero essere previsti anche di nuovo, divieti generalizzati e chiusure di alcune attività.