Minacce dei no-Vax a Bonaccini: diffusi su Telegram il numero di telefono e l’indirizzo del presidente emiliano

Non è la prima volta viene preso di mira. Già in estate i no-Vax gli avevano consegnato un pacco di pannolini sporchi nella sua casa in provincia di Modena. 

coronavuirus Emilia Romagna medici infermieri
Stefano Bonaccini (via Getty Images)

Stefano Bonaccini ha ricevuto minacce dai no-Vax sulla chat Telegram Basta Dittatura – proteste. Ad apprenderlo è l’Agi da fonti del gruppo. Il numero di telefono e l’indirizzo di casa del presidente dell’Emilia Romagna sono stati resi pubblici: “Andatelo a prendere”, scrive qualcuno che fa parte del gruppo che organizza manifestazioni No Green pass. Appartenenti alla stessa chat si sarebbero resi protagonisti anche delle minacce all’infettivologo di Genova Matteo Bassetti. 

LEGGI ANCHE: Vacanze di Natale, Covid e Omicron: tutte le regole per viaggiare in Italia e all’estero

Non è la prima volta che Bonaccini viene preso di mira. Già in estate i no-Vax gli avevano consegnato un pacco di pannolini sporchi nella sua casa a Baggiovara, in provincia di Modena. 

Solidarietà a Bonaccini da Pd e Italia Viva

Il governatore è ancora una volta vittima di minacce da parte dei no-Vax. Un atto grave e inaccettabile che vuole colpire chi è impegnato da quasi due anni senza sosta contro il Covid”, è il messaggio di solidarietà del deputato Pd Andrea De Maria.

Anche Marco Di Maio, vice capogruppo di Italia Viva alla Camera, affida a Twitter un messaggio di vicinanza a Bonaccini: “Ignobili le minacce di un gruppo no-Vax. Sono stati condivisi il suo numero di telefono e l’indirizzo di casa di Bonaccini, con l’invito “andatelo a prendere”. Questi vanno chiamati col loro nome: delinquenti. Basta tolleranza. Solidarietà a Stefano e alla sua famiglia”. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Vaccino anti-Covid ai bambini dai 5 agli 11 anni: tutto quello che c’è da sapere

Il presidente dell’Emilia Romagna, ospite di Omnibus su La7 ha affermato che “la discussione” sull’obbligo vaccinale anti-Covid “merita di essere affrontata e valutata” e che se diventasse una “discussione europea sarebbe meglio che lasciata alle singole Nazioni”.