Tragedia del Mottarone, Eitan tornerà in Italia con la zia paterna il 3 dicembre

Intanto i nonni materni del bambino hanno dato mandato ai loro avvocati per reclamare la nomina di Aya come tutrice, con una serie di motivazioni.

eitan zia

Dopo la decisione della Corte suprema israeliana dei giorni scorsi, Eitan, il bambino di sei anni sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, tornerà in Italia. Il 3 dicembre rientrerà con un volo da Tel Aviv a Travacò Siccomario, in provincia di Pavia, dove vive insieme allo zio Or Mirko e alle cugine. I familiari intendono salvaguardare la privacy del piccolo.

LEGGI ANCHE: Giornata mondiale contro Aids, LILA a iNews24: “I farmaci antiretrovirali devono essere gratuiti. Oggi in sit-in al Ministero”

La Corte suprema ha confermato le decisioni delle scorse settimane di primo e secondo grado, riconoscendo la sottrazione internazionale del piccolo da parte del nonno materno Shmuel Peleg che l’aveva portato via da Pavia l’11 settembre ed accogliendo l’istanza della zia paterna Aya Biran, tutrice legale di Eitan.

Cosa succederà ora ai familiari materni

Il nonno materno del piccolo è destinatario di un mandato di arresto internazionale con l’accusa di sequestro di persona, sottrazione e trattenimento di minore all’estero e appropriazione indebita del passaporto di Eitan.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Damiano, leader dei no-Vax, cambia idea dopo la terapia subintensiva: “Vaccinatevi tutti”

Intanto il presunto complice di Peleg, Gabriel Alon Abutbul, è stato scarcerato nei giorni scorsi con obbligo di firma, in attesa che si concludano le pratiche per l’estradizione. La Procura di Pavia indaga anche sulla posizione della nonna materna Esther Cohen.

I nonni di Eitan potranno salutare il piccolo un’ultima volta prima che ritorni in Italia. Intanto hanno dato mandato ai loro avvocati per reclamare la nomina di Aya come tutrice, con una serie di motivazioni. Nei mesi scorsi la donna, zia paterna, ha presentato una richiesta di adozione. La decisione spetterà al tribunale per i minorenni di Milano.