Damiano, leader dei no-Vax, cambia idea dopo la terapia subintensiva: “Vaccinatevi tutti”

All’emittente tv Antenna 3, Damiano ha affermato: “La mia visione del mondo geopolitico è cambiata, ovviamente".

Lorenzo Damiano - Foto di Facebook
Lorenzo Damiano – Foto di Facebook

Lorenzo Damiano, uno dei leader no-Vax più radicali, ha cambiato idea sui vaccini dopo aver trascorso una settimana in terapia subintensiva a causa del Covid-19. 56 anni, è stato candidato sindaco di Conegliano con la lista Norimberga 2, in richiamo al processo di Norimberga per “crimine contro l’umanità” nei confronti delle personalità scientifiche e giornalisti.

LEGGI ANCHE: Due per mille, Dieni (M5s) a iNews24: “Era un nostro caposaldo, ma accettiamo il volere degli iscritti”

All’emittente tv Antenna 3, Damiano ha affermato: “La mia visione del mondo geopolitico è cambiata, ovviamente. Sarà pronto quanto prima a far sapere al mondo intero quanto sia importante seguire collettivamente la scienza, quella che ti salva. A volte bisogna passare per una porta stretta per capire le cose come sono. Io ho fatto una cura monoclonali, ringrazio il reparto di Vittorio Veneto che mi ha seguito, sono stati meravigliosi”. 

Il cambio di rotta di Lorenzo Damiano sui vaccini

Damiano ha anche cambiato idea sui vaccini: “E comunque il vaccino lo faccio, ho passato tutto quello che dovevo passare. Vaccinatevi tutti, io mi vaccinerò”, ha aggiunti durante l’intervento in tv. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Molestie a Greta Beccaglia, l’avvocato del tifoso a iNews24: “I commenti sui social sono più violenti del gesto in sé”

Durante la sua campagna elettorale per la corsa a primo cittadino di Conegliano, aveva organizzato incontri pubblici con negazionisti e esponenti no-Green pass. Nel 2019 Damiano è stato anche candidato alle europee con Forza Nuova, con Roberto Fiore e Luca Castellini.

È noto anche per il suo radicalismo religioso con il suo gruppo I Pescatori di Pace che ha anche un sito web. Nei giorni scorsi, a causa dell’aggravarsi dei sintomi del Covid, è stato ricoverato in Ospedale al Vittorio Veneto, dove adesso ha cambiato radicalmente la sua posizione sui vaccini e sull’esistenza del virus Sars-CoV-2.