Nunzia Alessandra Schilirò, poliziotta No Green pass, ha il Covid: “Io e mio marito siamo positivi”

Schilirò ha raccontato di avere avuto febbre alta, tosse, perdita dell’olfatto e dolori: “Dall’esperienza della mia famiglia ho imparato che le terapie, se la persona colpita da Covid è in salute, possono essere un’arma per tramutare una malattia".

Nunzia Alessandra Schilirò - Foto di Facebook
Nunzia Alessandra Schilirò – Foto di Facebook

Io e mio marito abbiamo preso il Covid”. Con queste parole, in un video diffuso su Telegram, Nunzia Alessandra Schilirò, dopo aver ricevuto l’esito positivo del tampone, ha informato di essersi contagiata.

LEGGI ANCHE: Variante Omicron, parla il ‘paziente zero’: i vaccini hanno funzionato

Voglio evitare strumentalizzazioni. Abbiamo avuto i sintomi del Covid, non sappiamo come lo abbiamo preso”, ha spiegato la vicequestora aggiunta no Green pass, sospesa in via cautelativa dalla Polizia di Stato dopo il suo intervento sul palco di San Giovanni durante una manifestazione a settembre. 

“Le terapie rendono la malattia affrontabile”

Schilirò ha raccontato di avere avuto febbre alta, tosse, perdita dell’olfatto e dolori: “Dall’esperienza della mia famiglia ho imparato che le terapie, se la persona colpita da Covid è in salute, possono essere un’arma per tramutare una malattia che può essere tragica in una situazione totalmente affrontabile. E questo è confermato anche dai dati e dalla maggior parte delle persone colpite da questo virus”. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Greta Beccaglia: la polizia ha identificato il tifoso che ha molestato la giornalista dopo Empoli-Fiorentina

Attraverso i suoi canali social, nel corso di questi medi Schilirò ha raccolto circa centomila adesioni. Il 14 novembre ha organizzato a Firenze una manifestazione di dinne arrivate da tutta l’Italia. E nel video promette di non “abbandonare” chi porta avanti le sue stesse idee: “Quando sarò totalmente guarita tornerò alla mia attività perché vengano riconosciuti i diritti previsti dalla nostra Costituzione e tornerò a lottare per la libertà. Sono la prova che il Covid si può curare e nessuno può dire che non l’ho conosciuto”.