Bonus patente fino a 1000 euro: come richiederlo e chi ne ha diritto

Bonus patente fino a 1000 euro: come richiederlo e chi ne ha diritto. Il rimborso spese copre parte dei costi per l’abilitazione

Spunta un nuovo aiuto sostegno economico per una fascia di italiani che va ad incidere su uno specifico settore della nostra economia. Nel Decreto Infrastrutture infatti è previsto quello che è stato ribattezzato subito come Bonus patente. Infatti aiuta tutti coloro che hanno età non superiore ai 35 anni e vogliono prendere la patente o l’abilitazione CQC per lavorare come autotrasportatori.

(Pixabay)

Per chi non lo sapesse, gli autisti di trasporto merci o passeggeri non hanno bisogno solo della relativa patente di guida (C, C+E, D, D+E). Dal 2008 infatti è richiesta anche la Carta di Qualificazione del Conducente, più nota come CQC. Ma ottenerle ha costi elevati, che vanno dai 4mila ai 6mila euro. Ecco perché nasce il Bonus patente, un rimborso spese fino ad un massimo di 1.000 euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bonus Natale 2021 fino a 1400 euro: come funziona e chi può chiederlo

Bonus patente fino a 1000 euro: le condizioni per presentare la domanda

Il bonus è riservato a cittadini fino a 35 anni e a coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza o ammortizzatori sociali. Un contributo che non può comunque superare il 50% delle spese sostenute e documentate. Sarà riconosciuto fino al 30 giugno 2022 e ha come scopo quello di incrementare il numero degli autisti in un settore che ha molta offerta ma scarsa domanda.

patenti e revisioni auto
(Getty Images)

Per richiederlo è necessario dimostrare di aver stipulato, entro e non oltre 3 mesi dal conseguimento della patente, un contratto di lavoro come conducente nel settore dell’autotrasporto per un periodo di almeno 6 mesi.

Come fare quindi per richiedere il Bonus patente? Bisogna aspettare un decreto del Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile che stabilirà i termini e le modalità per presentare fare la domanda. Dovrà comunque essere adottato entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto Infrastrutture e sarà rivolto a tutti coloro che sono in possesso dei requisiti.