No Green pass: nuovo sabato di proteste di proteste in Italia. In piazza a Milano anche Bob Kennedy jr

Rischio infiltrati anarchici: secondo Alberto Nobili (Antiterrorismo) il loro obiettivo è "utilizzare il malcontento per raggiungere maggiori adesioni".

Manifestazione No Green Pass Milano sabato 6 novembre - Web
Manifestazione No Green Pass Milano sabato 6 novembre – Web

I No green pass e i No-vax si preparano a un altro sabato di proteste. La ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, in una circolare ai prefetti e ai questori, ha chiesto massimo rigore. Saranno contenute le occasioni di scontri e le manifestazioni saranno disperse dalle forze dell’ordine. I presidi annunciati saranno statici o consisteranno in brevi cortei. 

LEGGI ANCHE: Strage di Nassiriya: tutte le iniziative in ricordo delle vittime

È allerta massima a Milano, Trieste, Torino e a Napoli, dove potrebbero partecipare alle proteste anche no global e disoccupati, per reagire alla prescrizione del Viminale di seguire le disposizioni indicate durante tutte le manifestazioni pubbliche. 

Nobili (Antiterrorismo Milano): “Gli anarchici utilizzano i no-Vax”

Alberto Nobili, capo del pool antiterrorismo della procura di Milano, ha spiegato che i No-vax rappresentano una fetta importante da coinvolgere per il mondo anarchico: “Non a caso, a Milano in particolare nei cortei, troviamo una forte presenza anarchica e da una serie di indagini che stiamo facendo si capisce che sono lì non tanto per il vaccino, di cui sinceramente non gli importa nulla, ma per strumentalizzare, fare propaganda, proselitismo”, ha spiegato Nobili a Il Messaggero.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: È morto Giampiero Galeazzi, il giornalista aveva 75 anni

L’obiettivo degli anarchici è “utilizzare questo malcontento sociale per raggiungere maggiori adesioni auspicando uno scontro frontale che per ora non è avvenuto a Milano grazie alla professionalità delle forze dell’ordine”. Questa strategia è simile a quella adottata a Roma da Forza Nuova, che ha visto la sua applicazione il 9 ottobre, durante l’assalto alla sede della Cgil. 

Milano

A Milano potrebbe prendere parte alla protesta anche Bob Kennedy junior, che ha dichiarato di non essere no-Vax ma di essere comunque contro i vaccini, specie quelli anti-Covid. Potrebbe partecipare insieme alla sua associazione Children’s Health Defense all’Arco della Pace, per “combattere per la democrazia e i diritti umani e civili”, ha spiegato a La Repubblica.

LEGGI ANCHE: Terze dosi: il grande piano nazionale per fermare i contagi ed evitare le zone gialle

La sua famiglia si è dissociata dalle sue idee, “ma se sapessero un decimo di quello che so io, sarebbero sulle barricate accanto a me”, spiega. Secondo Kennedy jr, “i vaccini devono essere testati come gli altri medicinali. Negli Usa i vaccini sono gli unici farmaci esenti dai test di sicurezza” e “i bambini sani hanno zero rischi di Covid. Eppure abbiamo visto come il vaccino possa causare loro lesioni mortali”. La presenza del terzogenito di Bob Kennedy e nipote di JFK, desta interrogativi sul numero dei partecipanti alla protesta. Ai manifestanti sarà vietato corso Buenos Aires. 

Roma

A Roma ci saranno tre forme di protesta. Una, stanziale, al Circo Massimo, dove sono annunciate 5-6mila persone, un’altra in piazza Santi Apostoli e un corteo di studenti che comincerà a Piazza dell’Esquilino e terminerà a largo Madonna di Loreto. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Natale a Napoli: luminarie allegre o kitsch? Le opinioni dei cittadini

Il prefetto Matteo Piantedosi ha realizzato la mappatura delle piazze off limits: Piazza del Popolo, via del Corso, Piazza Colonna, Piazza Venezia e tutti i luoghi che si trovano nei pressi delle sedi istituzionali. 

Altri sit-in sono previsti a Bologna, Firenze, Genova, Aosta e Gorizia, dove però non sono previsti disordini e per questo sono stati consentiti i passaggi anche nei pressi del centro storico.