Contagi e ricoveri in aumento in Nord-Est, Fedriga: “Se continuiamo così diventeremo zona gialla”

L'Austria adotta la regola delle 2G ma se la situazione non migliorerà, Alexander Schallenberg non esclude un lockdown per i non vaccinati.

Covid, Fedriga parla del coprifuoco e delle riaperture
Massimiliano Fedriga (Foto Twitter)

Se continuiamo così saremo in poco tempo zona gialla”. Massimiliano Fedriga, governatore del Friuli-Venezia Giulia, non usa mezzi termini nel nascondere la preoccupazione che la cosiddetta pandemia dei non vaccinati che ha colpito la Germania e l’Est Europa, possa arrivare anche in Nord-Est Italia. 

LEGGI ANCHE: Mottarone, rimossa la cabina precipitata, ma slittano i tempi dell’inchiesta

Non vogliamo vietare il diritto di dire la propria opinione, ma questo deve avvenire all’interno delle regole. E le regole sono anche quelle di evitare comportamenti che facciano, com’è successo purtroppo ed è continuato a succedere, aumentare il contagio: questo è inaccettabile. Pochi non possono limitare la libertà di tutti”, afferma Fedriga, riferendosi alle proteste No-pass e No-vax a Trieste e anche in altre città. 

covid studio
Archivio – Foto di Getty Images

L’Asl: “Se i contagi non rallenteranno dovremo ridurre l’attività sanitaria in altri servizi”

La situazione peggiora anche a Udine, in Friuli: “Se la diffusione della pandemia non rallenterà saremo costretti a ridurre le attività dell’azienda sanitaria in altri servizi”, ha spiegato Denis Caporale, direttore generale dell’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale. “Gestire più di 100 casi al giorno diventerebbe un lavoro immane per il Dipartimento di prevenzione, così dovremmo impiegare su versante Covid risorse che potrebbero essere utilizzate in altri servizi”. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Quarta ondata in tutta Europa: cosa farà l’Italia per evitare le chiusure

L’ipotesi dell’Austria: “Lockdown domestico per i non vaccinati”

Intanto in Austria, dove la percentuale dei vaccinati è al 64,5%, sono state decise misure restrittive nei confronti di chi ha deciso di non vaccinarsi. Solo ieri si sono registrati 8178 nuovi casi su 9 milioni di abitanti, 2002 pazienti Covid sono ricoverati in area medica e 377 in terapia intensiva. Per questo il Governo adotterà la regola delle 2G per tutti i cittadini di età superiore ai 12 anni.

Covid-19

Solo i vaccinati con almeno una dose o guariti nell’arco di sei mesi precedenti saranno ammessi in determinati settori della vita quotidiana. I No-vax non potranno entrare nei ristoranti, nei bar, nelle pasticcerie, nei luoghi della movida e in quelli per la cura alla persona, non potranno soggiornare nelle strutture ricettive e parte ad eventi culturali e sportivi con 25 o più persone, o andare a sciare. 

LEGGI ANCHE: Superbonus 110% villette, salta il tetto del reddito. Sconti in fattura e cessione del reddito

Un’ulteriore stretta è all’orizzonte. Inoltre da ieri è obbligatorio l’uso delle mascherine Ffp2 nei negozi, nelle biblioteche, nei musei e sui trasporti pubblici. 

La regola delle 2G è solo un periodo di prova di quattro settimane. Dopodiché verrà garantita libertà di movimento solo alle persone che avranno completato il ciclo vaccinale o saranno guarite. E se si arrivasse all’occupazione di almeno un terzo delle terapie intensive a livello nazionale, il cancelliere Alexander Schallenberg ha già annunciato che istituirà un lockdown domestico per i non vaccinati.

Questo ha portato un incremento delle vaccinazioni. Da ieri mattina all’esterno dell’Austria Center di Vienna c’era una coda di cittadini in attesa della prima dose.