L’ex ministro Spadafora fa coming out in diretta: “Un politico ha più responsabilità”

L’ex ministro Spadafora fa coming out in diretta a ‘Che tempo che fa’. La spiegazione è semplice: “Un politico ha più responsabilità”

La bocciatura del Ddl Zan ha diviso il Parlamento ma anche innescato meccanismi forse fino ad oggi impensabili. Come la confessione di Vincenzo Spadafora, esponente dei Movimento 5 Stelle che nel governo Conte era stato ministro dello Sport. Ospite a ‘Che tempo che fa’ per presentare il suo primo libro, ‘Senza riserve’ (in uscita l’11 novembre) ha confessato il vero motivo della sua presenza.

riapertura stadi Spadafora
L’ex ministro Spadafora (Facebook)

“Credo che la vita privata do ogni persona debba rimanere tale. Ma penso anche chi ha un ruolo pubblico, un ruolo politico, abbia qualche responsabilità in più”. E per questo ha rivelato la sua omosessualità, commuovendosi davanti alle telecamere. Un coming out per avere anzitutto riaspetto di se stesso, come ha ammesso in diretta.

Di questo parla nel libro, come del suo impegno politico. “Io sono anche molto cattolico – ha confessato – e può sembrare in contraddizione ma non lo è affatto. In politica l’omosessualità viene usata anche per ferire, per colpire l’avversario, con un brusio che io stasera volevo spegnere”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> M5s, Battelli a iNews24: “Di Battista spara a zero, ma noi ci siamo assunti la responsabilità di governare”

L’ex ministro Spadafora fa coming out in diretta: i motivi della sua dichiarazione

Spadafora ha deciso di uscire allo scoperto “per tutti quelli che ogni giorno combattono per i propri diritti e hanno meno possibilità di farlo rispetto a quante ne abbia io grazie al mio lavoro”. A lui non ha impedito di diventare un rappresentante del popolo in Parlamento e di rappresentare anche lo Stato come ministro, ma è una battaglia ancora lunga da combattere.

Riapertura palestre Spadafora
Vimcenzo Spadafora (Facebook)

Ora però si sente più leggero: “Spero di essere considerato da domani per quello che faccio, per come lo faccio, lo stesso uomo di sempre. Forse da domani sarò un po’ più felice. Perché sarò anche più libero”.