Terza dose, Figliuolo: “Il picco delle somministrazioni sarà tra dicembre e febbraio”

Nonostante la crescita dei contagi sia in Italia che in Europa, da parte del ministro Speranza e del generale Figliuolo filtra un leggero ottimismo. Previsto un allargamento della platea per quanto riguarda la terza dose, mentre ancora non ci sono novità rispetto alla proroga dello stato d’emergenza.

vaccino covid
Vaccinazioni anti covid (Getty Images)

Durante la conferenza stampa di aggiornamento sulla campagna vaccinale, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha voluto analizzare i dati relativi al nostro Paese, anche a fronte dell’allarme lanciato dall’Ema e dall’Oms per l’aumento dei contagi in Europa.

“Nel quadro europeo i numeri dell’Italia si possono considerare tra i migliori, ma è evidente che allarme dell’Oms va considerato con la massima attenzione e ci richiede di insistere con la campagna di vaccinazione».

Il ministro Speranza ha quindi annunciato l’intenzione del governo di estendere la platea di coloro che dovranno ricorrere alla terza dose: “A partire dalla prossima settimana lavoreremo per allargare la dose booster anche ad ulteriori fasce generazionali. Dobbiamo ancora recuperare sulle prime dosi e accelerare sulle terze dosi, raccomandate a tutti i fragili indipendentemente dall’età e a coloro che hanno avuto il monodose J&J e per gli over60”.  Speranza si è poi soffermato a ribadire l’importanza dei dispositivi di protezione individuali, che “restano obbligatori al chiuso ma vanno usati in tutti i casi in cui c’è un rischio di assembramento”. Sulla possibilità di un’ulteriore proroga dello stato di emergenza, il cui termine è previsto a fine dicembre, il responsabile della sanità nazionale ha dichiarato che «il governo deciderà nelle settimane immediatamente precedenti la scadenza”.

Figliuolo: “Già completamente immunizzati 45 milioni di cittadini”

Covid Italia
Francesco Paolo Figliuolo (Getty Images)

Anche il Commissario all’Emergenza, Generale Francesco Paolo Figliuolo, ha voluto fare chiarezza sulle somministrazioni della terza dose: “Ieri abbiamo superato le 110mila terze dosi effettuate. Il picco quotidiano di terze dosi, lo avremo tra dicembre e febbraio”. Figliolo ha poi spiegato che “non avremo più i picchi della vecchia stagione e non arriveremo mai sopra le 350mila somministrazioni al giorno di picco massimo”.

Il Commissario straordinario all’emergenza ha poi analizzato i dati della campagna vaccinale: “Siamo all’83,3% di vaccinati con ciclo completo, circa 45 milioni di cittadini. Coloro che hanno fatto almeno una dose sono oltre 46 millioni pari all’86% a cui possiamo sommare i 600 mila guariti: questo ci porta all’87,7% di persone che hanno una qualche copertura”. Ottimismo anche in previsione delle dosi booster da somministrare nel corso del 2022, che come annunciato dal generale Figliuolo “sono già state opzionate in una quantità tale da poter fare la terza dose a tutti quelli che hanno iniziato il ciclo”. Figliuolo si è poi rivolto alle Regioni, chiedendo di “rafforzare l’opera di sensibilizzazione dei cittadini” anche per evitare il rischio di dover affrontare “una pandemia di non vaccinati”