Gerry Scotti poteva morire: chi lo ha salvato, racconto dolcissimo

A distanza di un anno, Gerry Scotti ripercorre quanto gli è successo e spiega come si è salvato dalla terribile esperienza. Ecco il racconto dolcissimo, da cui forse è nata anche la dedica di una bottiglia.

Gerry Scotti festeggia sul podio di Imola dopo la corsa motociclistica. 12 maggio 2018 (foto di Mirco Lazzari gp/Getty Images).
Gerry Scotti festeggia sul podio di Imola dopo la corsa motociclistica. 12 maggio 2018 (foto di Mirco Lazzari gp/Getty Images).

Come molti spettatori sanno, a novembre ricorre un triste anniversario per Gerry Scotti. Un anno fa, purtroppo, il conduttore aveva contratto il Covid. Le sue condizioni erano peggiorate, tanto che venne ricoverato. Diventando sempre più grave, rimase circa una settimana in terapia intensiva, dove un pensiero lo aiutò a guarire.

LEGGI ANCHE >>> Gerry Scotti, clamorosa confessione: nessuno lo avrebbe mai immaginato

NON PERDERTI >>> Iva Zanicchi, al via la collaborazione con Gerry Scotti e Silvia Toffanin: fan entusiasti

Il figlio di Gerry Scotti, Edoardo, aspettava un bambino con la moglie Ginevra Paola. Il giorno del parto era fissato a dicembre, ed il conduttore non vedeva l’ora di diventare nonno. Fu proprio il pensiero di poter prendere fra le braccia Virginia che lo aiutò a guarire ed uscire dall’ospedale molto velocemente.

Gerry Scotti, tutto ruota attorno ad un nome: Virginia

Radio Deejay, Gerry Scotti e Diego Abbatantuono ospiti in studio. Ottobre 2021 (foto Instagram).
Radio Deejay, Gerry Scotti e Diego Abbatantuono ospiti in studio. Ottobre 2021 (foto Instagram).

Come Mara Venier, che definisce i nipoti “una benedizione“, anche Gerry Scotti ha un debole per la sua nipotina, che ama portare a passeggio e dedicargli il suo tempo. L’essere diventato nonno lo ha particolarmente segnato e cambiato, tanto che ha deciso di fare una dedica dolcissima alla sua Virginia.

LEGGI ANCHE >>> Gerry Scotti, confessione struggente: “L’ho presa brutta”

Come Gerry ha raccontato al settimanale Oggi, ha deciso di riprendere in mano un vecchio mestiere di famiglia, diventando vignaiolo. Ecco dunque che ne è nato anche un vino la cui etichetta è dedicata proprio alla sua Virginia. Verrebbe quasi da rubare una battuta di Rudy Zerbi rivolta al celebre conduttore di Caduta Libera: “Voglio essere tua nipote!“.