WhatsApp, audio sconvolgente in vista della gara di Serie A: “Aggrediremo i tifosi allo stadio”

Spunta un audio di WhatsApp sconvolgente che riguarda la partita tra Salernitana e Napoli: minacce di aggresioni ai tifosi ospiti.

WhatsApp
Sconvolgente nota audio sull’applicazione di messaggistica (via Screenshot)

Tensione alle stelle per il derby campano tra Salernitana e Napoli, con i tifosi ospiti che hanno subito le prime intimidazioni dai supporters granata. Infatti nella giornata di ieri ci sono stati alcuni segnali di allarme, con le forze dell’ordine e la Digos che stanno attentamente monitorando i gruppi delle tifoserie organizzate in vista dell’incontro in programma oggi alle ore 18:00.

Le prime schermaglie si sono verificate nella giornata di ieri, dove i tifosi granata hanno appeso uno striscione che recita: “Tre paia 5 euro“. Un chiaro insulto ai napoletani che fa riferimento ai venditori di calzini. Ma nelle ultime ore sta girando un inquietante audio che sarebbe stato registrato da un tifoso della Salernitana. La nota vocale sarebbe stata inviata ad un altro tifoso, in cui si rivela una vera e propria strategia per aggredire i supporters azzurri.

POTREBBE INTERESSARTI >>> G20, Roma è blindata: rischio black bloc durante il summit dei leader mondiali

WhatsApp, i tifosi della Salernitana minacciano i napoletani: “Li dobbiamo sfondare”

Nella giornata di ieri è iniziato a circolare un inquietante audio di un tifoso della Salernitana. Il tifoso incriminato nell’audio esclama: “Quello che non sanno loro è che domani, alle 2 e mezza, davanti a tutti i varchi dello stadio, i ragazzi della curva si dividono e quando passano con i biglietti tu devi cacciare la carta di identità, il green pass, il biglietto. E a quel punto è la festa, domani“.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Manifestazioni no G20, migliaia di persone a Roma

Ma l’inquietante audio non finisce qua, infatti il presunto tifoso ha aggiunto: “Appena uno caccia la carta di identità con su scritto Cava de’ Tirreni, paganesi, napoletani, noceresi, teniamo una ‘mala capa’, domani. Domani mi faccio arrestare. Li dobbiamo sfondare. Domani non vado nemmeno a vedere la partita. Stiamo aspettando da 17 anni, li dobbiamo schiattare“. L’audio fa riferimento all’ultima volta che Salernitana e Napoli si sono affrontate all’Arechi, quando entrambe le formazioni giocavano in Serie B. Il match finì 0-0, ma anche in quell’occasione non mancarono gli scontri all’esterno dello stadio.