Royal Family, Harry e Meghan l’hanno fatto ancora: scoppia la polemica!

Royal Family, Harry e Meghan l’hanno fatto ancora: scoppia la polemica! I duchi del Sussex continuano ad essere attratti dalla vita politica

Harry e Meghan
Harry e Meghan (Foto: Getty)

Nonostante stiano conducendo una vita tutt’altro che istituzionale e di Palazzo, Harry e Meghan mantengono ancora una grande passione per la politica. La loro uscita definitiva da Buckingham Palace, condita da polemiche e nuove vie imprenditoriali, non ha completamente fiaccato l’interesse per la cosa pubblica. Questo loro attaccamento ha creato anche qualche problema, visto che la duchessa del Sussex continua ad usare il titolo reale quando scrive al governo americano. Ora sono tornati alla carica in occasione del G20, componendo una lettera aperta a tutti i leader coinvolti nell’appuntamento romano.

Nella loro lettera, il principe Harry e Meghan affermano che le promesse di donazioni di vaccini da questi paesi non stanno raggiungendo i più vulnerabili del mondo. I Sussex hanno unito le forze con il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, per far sentire la propria voce proprio in concomitanza con il meeting mondiale.

All’interno del pezzo si riferiscono all’accesso al vaccino contro il coronavirus come a un “diritto umano fondamentale”.

LEGGI ANCHE >>> Royal Family, Harry e Meghan colpiscono anche in Giappone: cosa sta succedendo

LEGGI ANCHE >>> Royal Family, Harry e Meghan vittime di un diabolico piano: da non credere!

Royal Family, Harry e Meghan l’hanno fatto ancora: la loro lettera al G20 fa discutere

Vertice G20
Biden e Mario Draghi al G20 di Roma (Foto: Getty)

Di sicuro nelle discussioni attualmente in agenda nella capitale, c’è la battaglia alla pandemia e il tema ambientale, entrambi a cuore ai Sussex.

Nella loro lettera c’è espressamente scritto: “Quando i leader delle nazioni più ricche del mondo si sono incontrati al vertice del G7 a giugno, hanno annunciato collettivamente che un miliardo di dosi di vaccini contro il Covid-19 sarebbero state inviate ai paesi più poveri”. 

Eppure, poiché diverse nazioni non hanno ancora abbastanza vaccini per i propri operatori sanitari, il mondo si chiede, dove sono le dosi?”

La coppia aggiunge anche che ogni dose scartata del vaccino “dovrebbe indignarci tutti“.

Hanno specificato:Ogni dose rappresenta una persona reale – una madre, un padre, una figlia o un figlio – che avrebbe potuto essere protetti.

Ognuno di noi proviene da luoghi, background ed esperienze di vita molto diversi, ma condividiamo un obiettivo comune: affrontare l’ingiustizia globale”.

Insomma un aspetto molto importante a livello sociale a cui la coppia vuole prestare massima attenzione, sfruttando la propria immagine. Nonostante le buone intenzioni, però, a molti nel Regno Unito questo atteggiamento non va giù. Si chiedono perchè mantenere un impegno del genere e allo stesso tempo uscire dalle cariche istituzionali. Contraddizioni reali.