Richiami alimentari, ritirato salume dal mercato per rischio salmonella: non consumatelo!

Nuovi ‘Richiami Alimentari’ da parte del Ministero della Salute. Ritirato dal mercato il lotto di un salume pregiato: i dettagli.

Richiami Alimentari
Un banco della salumeria (via Trip Advisor)

Il Governo Italiano continua a monitorare i prodotti messi sul mercato per tutelare la salute dei propri consumatori. Infatti sono sempre tanti i rischi per quanto riguarda i prodotti alimentari contaminati. I controlli su questi prodotti sono in aumento sia in Italia che negli altri paesi europei. Come specificato dal Ministero della salute sono tantissimi soprattutto i rischi chimici legati alla contaminazione dei cibi destinati alla vendita al dettaglio.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Ddl Zan, De Petris (Leu) a iNews24: “È stata la prova generale di Renzi per l’imboscata sul Quirinale”

Sul proprio sito il Ministero della Salute, gli operatori del settore (OSA) hanno l’obbligo di informare i propri clienti sulla non conformità riscontrata negli alimenti in vendita. Inoltre in caso di contaminazione o rischi sono obbligati a ritirare dalla vendita i lotti incriminati. Sempre l’Osa poi dovrà ritirare questi prodotti dal mercato, andiamo quindi a vedere qual è l’ultimo provvedimento preso dal Ministero della Salute italiano.

Richiami alimentari, ritirato strolghino di nota marca: i dettagli

Richiami alimentari
Rischio salmonella per un salume in vendita (via Pixabay)

Il Ministero della Salute ha ritirato un lotto di strolghino di Terre Ducali con il rischio salmonella. Sul proprio sito ufficiale il Ministero ha comunicato tutti i dettagli riguardanti il prodotto tolto dal commercio. Infatti il marchio di identificazione dello stabilimento è: CE IT 1019 L. Mentre il nome del produttore è Prosciuttificio San Michele SRL.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Ddl Zan, corteo a Roma: “Avete bloccato la legge ma non bloccherete noi”

Il motivo della segnalazione è salmonella riscontrata in due Aliquote analizzate su cinque. Per precauzione il Ministero della Salute raccomanda di non consumare i prodotti in questione. Inoltre sarà possibile restituire i prodotti al punto vendita da cui sono stati acquistati. Continua quindi il monitoraggio del Ministero della Salute sulla sicurezza dei prodotti messi sul mercato.