Forte scossa di terremoto nelle Marche, dove si trova l’epicentro?

Il 21 ottobre 2006 a poco più di una decina di chilometri a Sud-Est dell’epicentro, è stato localizzato un terremoto di magnitudo e profondità ipocentrale simili.

Screenshot del sito web ingv.it
Screenshot del sito web ingv.it

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato un terremoto in provincia di Pesaro-Urbino con magnitudo 4.3. Dalle verifiche della Protezione Civile non risultano danni e feriti. L’evento sismico si è verificato intorno alle 12.53 di oggi, venerdì 29 ottobre, con epicentro localizzato tra i Comuni di Montefelcino, Serrungarina e Cartoceto, ad una profondità di circa 38 chilometri.

LEGGI ANCHE: Ddl Zan, associazioni cattoliche a iNews24: “Bene lo stop, ideologia gender a scuola indottrinerebbe gli studenti”

Molti cittadini hanno avvertito la scossa e in alcune zone sono scesi in strada spaventati. Scuole evacuate. Molte chiamate sono arrivate ai vigili del fuoco da parte di persone spaventate che hanno segnalato la scossa.

Dov’è stata risentita la scossa

Il terremoto è stato risentito in una vasta area delle Marche tra le province di Pesaro, Urbino e Ancona, in particolare nelle zone costiere. Dopo la scossa principale sono stati registrati altri terremoti di magnitudo inferiore. Come riporta l’Ingv, intorno alle 14 sono stati in tutto 4 gli eventi localizzati nella stessa area, di magnitudo compresa tra 1.4 e 2.7.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: G20, Roma blindata: più di 5mila agenti e tiratori scelti sui tetti

Dopo la prima scossa, Trenitalia ha informato che “in attesa della ripresa della circolazione i treni sono fermi nelle stazioni e i servizi di bordo sono tutti funzionanti”. La circolazione ferroviaria è stata sospesa tra Rimini e Ancora, tra Falconara Marittima e Fabriano e tra Civitanova e Fabriano. La Protezione Civile è stata attivata per eventuali supporti.
Il 21 ottobre 2006 a poco più di una decina di chilometri a Sud-Est dell’epicentro, è stato localizzato un terremoto di magnitudo e profondità ipocentrale simili: 4.2 a 36 chilometri di profondità.