Ayrton Senna, la sua famiglia è in lacrime: è successo in queste ore!

Ayrton Senna, la sua famiglia è in lacrime: è successo in queste ore! Un grave lutto li ha colpiti a San Paolo

Ayrton Senna
Ayrton Senna (Foto: Getty)

Da quel tragico 1 maggio 1994 il mondo della Formula 1 non è stato più lo stesso. A distanza di anni, come testimoniato dai sondaggi che ciclicamente vengono effettuati tra i tifosi, Ayrton Senna continua ad essere il pilota più amato di tutti i tempi. Il suo talento sconfinato e il carattere impulsivo e riservato hanno creato uno stile difficilmente imitabile. Un vero punto di riferimento, come pochissimi in passato, a cui si sono ispirati campioni come Schumacher e Hamilton. La scomparsa prematura ha spezzato il cuore alla sua famiglia, davvero molto unita. Ora dopo 27 anni a casa Senna si piange l’addio ad un altro componente cardine: il padre Milton.

Milton Teodoro Gilardo da Silva, è morto per cause naturali mercoledì 27 ottobre, all’età di 94 anni. A comunicarlo in anteprima è stato l’Ufficio Stampa dell’Ayrton Senna Institute, attraverso il proprio sito e i profili social.

LEGGI ANCHE >>> Michael Schumacher, è successo nel GP di Austin: sono tutti esterrefatti!

LEGGI ANCHE >>> Valentino Rossi svela il suo futuro: annuncio sensazionale in diretta TV

Ayrton Senna, la sua famiglia è in lacrime: è morto il padre Milton Silva

Ayrton Senna
La tomba di Ayrton Senna (Foto: Getty)

Milton aveva avuto oltre ad Ayrton altri due figli da Neyde Joanna Senna, Viviane e Leonardo. La prima è tra l’altro la madre di Bruno Senna, anch’egli pilota di Formula 1 in passato. Il signor da Silva era nato nel nord di San Paolo e aveva costruito un impero nel campo metallurgico ed edilizio, arrivando ad investire anche nelle fattorie. Aveva sostenuto economicamente la carriera del figlio agli inizi, dal mondo del karting, alla Formula Ford 1600 in Gran Bretagna. L’esordio in F1 nel 1984 fu una grandissima gioia, anche se il campione brasiliano scelse il cognome della madre per diventare famoso.

Milton era sempre stato un punto di riferimento per il figlio, anche non partecipando quasi mai alla vita del paddock (si ricordano le sue presenze solo nel GP del Brasile).