Superamento Fornero, Tampon Tax e bollette, cosa c’è nella manovra fiscale 2022 di Mario Draghi

Tra le misure già decise c’è il rinvio al 2023 della Sugar tax e della Plastic tax, che prevedevano un aumento delle tasse a chi produce bevande zuccherate e conservate in plastica.

(Pixabay)

Nonostante lo scontro con i sindacati e le tensioni interne, il premier Mario Draghi ha chiaro il disegno della manovra fiscale 2022. Prevede una manovra espansiva per il 2022 da 23 miliardi di euro e riguarda una prima riforma del fisco e l’alleggerimento del cuneo fiscale. Tra le misure già decise c’è il rinvio al 2023 della Sugar tax e della Plastic tax, che prevedevano un aumento delle tasse a chi produce bevande zuccherate e conservate in plastica.

LEGGI ANCHE: Catania sommersa dalle piogge. Un morto a Gravina, strade trasformate in fiumi

Superamento di Quota 100 e le tensioni con i sindacati

Il nodo più difficile da sciogliere è il nuovo piano pensioni, che prevede il superamento di Quota 100, il sistema di calcolo per la pensione anticipata. Ieri Draghi ha incontrato i sindacati per trovare un accordo, ma la riunione è terminata con un nulla di fatto. L’alternativa a Quota 100 che consente di andare in pensione a 62 anni e 38 di contributi, è Quota 102 (in pensione a 64 anni con 38 di contributi) nel 2022 e Quota 104 nel 2023 (in pensione a 66 anni e 38 di contributi). Così si eviterebbe lo “scalone” della Legge Fornero, che imporrebbe un’uscita dal mondo del lavoro a tutti a 67 anni. Per evitare la rigidità della Legge Fornero, il premier Draghi e Daniele Franco, ministro dell’Economia, hanno proposto Opzione Donna che consente di andare in pensione in base al carico familiare e altri parametri, e un rafforzamento dell’Ape sociale.

Fisco: non si riduce l’Irpef. Il taglio delle tasse vale 8 miliardi

La manovra finanziaria prevede lo stanziamento di 8 miliardi per il fisco. Potrebbero essere destinati 6 miliardi al taglio delle tasse. Le risorse andrebbero destinare al taglio del cuneo fiscale. Non sembra avere spazio la riduzione dell’Irpef per i lavoratori dipendenti. La discussione verrà rimandata alla riforma complessiva del fisco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Assalto alla Cgil, spunta il video della trattativa tra Castellino e la polizia: “Vogliamo Landini”

Riduzione del cuneo fiscale, no plastic tax e sugar tax

Dei 23 miliardi, la maggior parte dovrebbero essere destinati al taglio delle tasse. Si parla di 8-9 miliardi, di cui 2,3 già stanziati nella legge di Bilancio e più di 4 miliardi conseguenti alle maggiori entrati grazie alla fatturazione elettronica. Rinviate al 2023 le applicazioni di Sugar Tax e Plastic Tax.

Superbonus, fuori le villette

Approvata la proroga del Superbonus al 11%, ma solo per condomini e case popolari. Restano escluse le villette e le case unifamiliari. Tra gli altri bonus, sarebbero confermati per il 2022 il credito di imposta al 50% e quello al 65%. Non si è ancora parlato del rinnovo del bonus al 90% per il rifacimento delle facciate, che resta in forse, ma Pd e Lega vorrebbero rinnovarlo.

LEGGI ANCHE: Duplice omicidio a Verona, una madre uccide le figlie in una casa accoglienza: ricercata

Rincari bollette, stanziamento di 2 miliardi

Nel 2022 potrebbero essere stanziati 2 miliardi contro il caro energia. Il Governo prevede l’istituzione di un fondo ad hoc per “sostenere le famiglie e supportare la ripresa economica”.

Tre miliardi per gli ammortizzatori sociali

Tre miliardi consentiranno di estendere la cassa integrazione alle piccole imprese del terziario. Di questi, un miliardo arriva dalla sospensione del cashback, che prevedeva un rimborso del 10% delle spese con la carta di credito.

Confermato il reddito di cittadinanza, ma con più controlli

800 milioni in più per il reddito di cittadinanza nel 2022. Prevista anche una stretta sui controlli e requisiti per ottenerlo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Covid, Pregliasco a iNews24: “Con il freddo in arrivo colpo di coda anche in Italia”

Rafforzamento del fondo nazionale per la Sanità

4 miliardi per la Sanità. La manovra prevede un incremento per finanziare l’acquisto di farmaci innovativi e vaccini.

Tampon Tax, tagliata l’Iva sugli assorbenti

L’Iva scende dal 22 al 10% sugli assorbenti femminili.