Frattura interna a Forza Italia, Berlusconi nega tutto: cosa sta accadendo

Il Cavaliere ha negato una frattura interna in Forza Italia, ma le dichiarazioni di Mariastella Gelmini dicono altro.

Silvio Berlusconi sulla pandemia
Silvio Berlusconi (via Getty images)

Io non so cosa è successo al ministro Gelmini, le dichiarazioni di ieri sono anche contrarie assolutamente alla realtà. Per esempio per quanto riguarda i rapporti con i nostri ministri al governo c’è sempre stata una riunione dei tre ministri con i vertici di Forza Italia tutte le settimane”. Così Silvio Berlusconi all’Ansa, al suo arrivo al pre-vertice del Ppe a Bruxelles, rispondendo ai giornalisti.

LEGGI ANCHE: Consulenti della Procura di Genova: “Camilla era sana, morta per la reazione al vaccino”

Silvio Berlusconi sembra non preoccuparsi di quello che starebbe accadendo in Forza italia, dopo le dichiarazioni di Mariastella Gelmini contro la gestione “sovranista” del partito e in particolare sull’elezione del nuovo capogruppo alla Camera al posto di Roberto Occhiuto. Nello stesso momento in cui nella Villa sull’Appia di Silvio Berlusconi, il centrodestra ha trovato un punto di incontro per collaborare, il Forza Italia si sarebbe creata una frattura interna.

covid gelmini
Mariastella Gelmini (Facebook)

In estate Berlusconi avrebbe indicato come sostituto a Occhiuto, Paolo Barelli sponsorizzato da Antonio Tajani. L’ala moderata del partito però, considerandolo troppo sovranista, avrebbe preferito nominare Sestino Giacomini, fedelissimo di Berlusconi. La lotta per la nomina si sarebbe fatta dura fino alla scorsa settimana, quando il Cavaliere avrebbe ribadito la scelta Barelli.
I tre ministri hanno raccolto le forme per ottenere il voto segreto. Ma temendo di non raggiungere abbastanza voti, Giacomini avrebbe annunciato il suo ritiro, permettendo l’elezione unanime di Barelli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Green pass, Bassetti a iNews24: “Tampone sia valido per 15 giorni, lasciapassare solo a vaccinati e guariti”

La Gelmini quindi si è sfogata con i deputati anche sui nomi scelti come candidati sindaci alle amministrative a Roma e Milano: “Dovevamo essere giù forti con Berlusconi nel chiedere nomi migliori”. Poi, “i ministri vengono lasciati soli, esclusi dai tavoli con Berlusconi, quasi sopportati”. E l’ammissione che non ci sarebbe “una sintesi nel centrodestra e ci sono divisioni enormi”.

La ministra comunque esclude di lasciare Forza Italia: “Mai, resto per far cambiare pelle al partito”, anche se è necessaria una “riflessione”. “Dobbiamo decidere come muoversi, c’è molto malcontento sia nel partito che nel gruppo”, scrive il Corriere della Sera. La rottura sarebbe profonda, ma Berlusconi l’ha negato all’arrivo al pre-vertice di Bruxelles: “Oggi i giornali hanno parlato di separazione, tutte cose esagerate e non c’è assolutamente nulla di cui io mi debba preoccupare”, ha detto all’Ansa.