WhatsApp, attenzione ai messaggi vocali sospetti: il trucco per riconoscerli

Su WhatsApp spunta un trucco per scovare tutti i messaggi vocali sospetti. Andiamo quindi a vedere come riconoscere gli audio che ci infastidiscono.

WhatsApp
Come riconoscere gli audio sospetti (Via Screenshot)

Oramai su WhatsApp i messaggi vocali hanno quasi completamente sostituito quelli di testo. Infatti la funzione è utilissima specialmente per quando siamo impossibilitati a digitare sullo schermo. Spesso però capita che si possano ricevere degli audio indesiderati o magari vocali mandati da sconosciuti o semplicemente da persone noiose che non abbiamo intenzione di ascoltare.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Netflix, aveva spoilerato uno show: la furiosa reazione della piattaforma

Però esiste un metodo o meglio un’applicazione in grado di risolvere questo nostro inconveniente. Infatti la soluzione si chiama ‘Transcriber‘ ed in grado di trasformare i vocali di WhatsApp in messaggi scritti. Ovviamente una volta che ci arriva un audio basterà condividerlo con l’applicazione per trasformarlo in messaggio scritto. L’applicazione inoltre è totalmente gratuita ed è disponibile sia per iOS che per Android.

WhatsApp, in arrivo ‘Community’: come funziona la nuova feature

WhatsApp
La nuova funzione presente sull’applicazione (via Screenshot)

Dopo i lunghi disservizi della scorsa settimana, WhatsApp è tornata subito sui binari giusti ed è pronta ad annunciare una nuova funzione. Infatti il colosso di Menlo Park a breve lancerà il nuovo strumento chiamato ‘Community‘. La nuova feature è stata scoperta da XDAdevelopers, dopo aver analizzato la versione 2.21.21.16  dell’ultima Beta dell’applicazione di messaggistica istantanea.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Fortnite, disponibili nuovi oggetti gratis: sbloccali subito con questo trucco

A spiegare meglio questa nuova funzione ci ha pensato il portale WABetaInfo. Infatti il tool servirà per organizzare al meglio i gruppi già presenti sull’applicazione. Questa grande novità è pronta ad ispirarsi a funzioni simili già presenti su Telegram e Facebook. Al momento però gli utenti dovranno attendere un altro poco prima di ricevere ulteriori informazioni sul nuovo strumento. C’è grande attesa per la nuova feature che potrebbe esordire con la prossima versione Beta dell’applicazione.