Cashback 2022, furbetti dello scontrino senza scampo: la pacchia è finita

Cashback 2022, furbetti dello scontrino senza scampo: la pacchia è finita. Il governo studia le contromosse per evitare le truffe

Ancora pochi giorni e conosceremo probabilmente anche il destino del Cashback di Stato 2022 e del Supercashback che hanno tenuto compagnia agli italiani fino a giugno. Nel governo è tempo di manovra e tutto quello che entrerà nel documento sarà poi oggetto di discussione anche in parlamento.

(Pixabay)

Gli italiani sperano che l’esecutivo Draghi, dopo aver bloccato tutto nel secondo semestre del 2021, abbia un ripensamento. E le voci di un budget più limitato, ma comunque importante, hanno fatto rialzare la testa agli italiani. Da una parte c’è la consapevolezza dei maggiori controlli attraverso la carta elettronica, dall’altra la necessità di trovare le coperture.

Ma al momento sembrano esserci due punti fermi. Se mai ci saranno soldi per coprire di nuovo il Cashback di Stato, non coì sarà per il Supercashback che rischia di pesare troppo sulle casse dell’Italia. E soprattutto devono essere riscritte le regole di base, perché nei mesi scorsi troppi ne hanno approfittato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cashback, la svolta è arrivata: i consumatori tornano a respirare

Cashback 2022, furbetti dello scontrino senza scampo: arrivano regole nuove per tutti

E qui scattano le misure per combattere tutti i furbetti, che però sono ancora allo studio da parte del ministero delle Finanze. Il principio base è quello di combattere gli eccessi e inserire alcuni paletti molto più chiari rispetto alla prima edizione del Cashback di Stato che era una sorta di prova generale.

Distributore benzina e gasolio
 (Pixabay)

Per questo le indiscrezioni degli ultimi giorni puntano sulle tempistiche e sulle cifre. Per evitare casi limite come quelli delle pompe di benzina assaltate di notte dai furbetti del pieno che dilazionavano il rifornimento in tanti piccolissimi pagamenti, si cambierà. Sarà introdotto quindi un limite minimo di spesa, ma non è tutto. L’idea è anche quella di un timer, un tempo limite tra un’operazione e l’altra che renderà in pratica nulla tutte le transazioni fuori regola.