Question Time, Boldrini (Pd) a iNews24: “Le parole di Giorgia Meloni infangano le istituzioni”

La deputata del Partito Democratico, Laura Boldrini, non usa mezzi termini per definire le parole della Leader di Fdi che nel Question time di oggi aveva parlato di strategia della tensione per attaccare la ministra Lamorgese: “Dichiarazioni inaccettabili di cui mi auguro si assumerà la responsabilità”. Sulla mozione per lo scioglimento di Forza Nuova, l’esponente Dem non ha dubbi: “Andremo avanti, sarà poi il governo a scegliere che strada seguire”

Laura Boldrini
Laura Boldrini (@GettyImages)

Durante il Question time di oggi, e dopo le spiegazioni della ministra Lamorgese su quanto accaduto sabato scorso alla manifestazione No Green Pass di Roma, Giorgia Meloni ha attaccato duramente la responsabile del Viminale, arrivando addirittura ad evocare la strategia della tensione. Come giudica le parole della leader di Fdi?

“Personalmente ho trovato queste affermazioni gravissime, così come in generale è stato inaccettabile il modo in cui si è espressa Giorgia Meloni nell’aula di Montecitorio. La leader di Fratelli d’Italia ha pronunciato delle parole molto pesanti ed ha evocato scenari a dir poco inquietanti, alludendo persino che l’assalto alla Cgil ad opera di Forza Nuova non fosse stato evitato volontariamente. È inammissibile gettare la responsabilità di quanto accaduto su una ministra della Repubblica, senza peraltro circostanziare minimamente le accuse”

Un attacco, quello alla Lamorgese, che di certo non contribuisce a rasserenare il clima politico di questi giorni…

“Assolutamente, anzi sono delle dichiarazioni estremamente irresponsabili che, proprio perché pronunciate in un momento così delicato, equivalgono a gettare benzina sul fuoco. Si tratta di un tentativo di infangare le istituzioni che va respinto con forza al mittente. In tutta questa situazione c’era solo una cosa che avrebbe dovuto fare la Meloni e che invece puntualmente non ha fatto…”

Cioè?

“Condannare il neofascismo e firmare la mozione per lo scioglimento di Forza Nuova.  Questo doveva fare, anziché rilasciare quelle dichiarazioni inquietanti di cui, mi auguro, in qualche modo dovrà pur rispondere. Questo perché, e lo ripeto, non si possono attaccare in questo modo le istituzioni solo per il proprio tornaconto”

Forza Nuova e gli scontri nella manifestazione No Green Pass

Manifestazione No Green pass a Roma (foto Viscardi)

A proposito della mozione, siete veramente decisi ad andare avanti con la richiesta di scioglimento di Forza Nuova?

“Certamente. Noi presenteremo la nostra mozione e poi vedremo che strada deciderà di percorrere il governo: se sciogliere Forza Nuova subito attraverso un decreto, o se aspettare l’esito delle indagini della magistratura”

Tra le accuse rivolte alla Lamorgese, c’è stata anche quella di “aver favorito” in qualche modo l’assalto alla sede della Cgil, il tutto a pochi giorni dal secondo turno delle amministrative…

“Appunto, ma ci rendiamo conto? Sono delle idee assurde e strampalate, oltre che molto pericolose, perché mirano a delegittimare le istituzioni e a far passare l’idea che i rappresentanti del governo possano essere complici di un atto criminale. È davvero inaccettabile”

Forse però, alcuni errori nella gestione dell’ordine pubblico durante la manifestazione di sabato sono stati davvero commessi, non crede?

“Non ero in piazza sabato, ma pur ammesso che degli errori ci siano stati, sono cose che possono accadere, e in ogni caso a risponderne in primis dovrebbero essere altre figure, perché non è di certo la ministra Lamorgese a decidere dove mettere i blindati durante una manifestazione”