Cashback addio? Non ci credete, grandissima novità in arrivo per tutti

Cashback addio? Non ci credete, il governo sta lavorando per riproporlo presto e si prospetta una grandissima novità in arrivo per tutti

Tutelare i consumatori, ma tutelare anche le casse dello Stato. Un doppio binario che il governo Draghi sta seguendo fin dall’inizio del suo insediamento a Roma che presto produrrà una svolta importante, anche molto attesa. Perché dal 1° luglio nessuno sente più parlare del Cashback di stato, la cui raccolta è stata chiuso inderogabilmente il 30 giugno.

(Getty Images)

Certo, da allora a oggi ci sono stati i rimborsi per chi ha partecipato e a fine novembre arriveranno finalmente anche i soldi a chi ha aderito al Supercashback. Ma sono molti gli italiani che temono di essere stati beffati, perché questa ghiotta opportunità non tornerà più.

In realtà non è così, perché il governo si è preso del tempo per valutare i pro e i contro dell’iniziativa e ha preso una decisione. Il Cashback di Stato tornerà già dal 1° gennaio 2022, ma con una forma e una concezione diverzsa. Ed è bene che tutti lo sappiano per non rimanere delusi quando  a tutti gli effetti si aprirà la raccolta degli scontrini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cashback, tutto pronto per il grande ritorno: c’è anche la data, italiani in fermento

Cashback addio? La decisione è un’altra e presto arriveranno anche tutti i dettagli

Il concetto base sarà lo stesso, con un tetto massimo di rimborsi previsti. Nella prima fase, quella che abbiamo vissuto da gennaio a giugno, era 150 euro, indipendentemente da quello che i partecipanti avessero speso. Quindi, essendo la base fissa del rientro pari al 10% sulla spesa, andava moto bene a chi fosse arrivato al massimo a 1.500 euro, ma male a chi ne avesse spesi di più.

Cashback
(Pixabay)

Una delle ipotesi più concrete allo studio è quella di mantenere comunque un tetto massimo rimborsabile, ma dare un incentivo in più ai consumatori che utilizzano carte di pagamento. Quindi invece di aspettare la fine dei sei mesi per ottenere il rimborso, darlo subito in base alla percentuale di quello che il cliente ha speso. Nessuna attesa, nessun calcolo strano e nessun furbetto dello scontro, ma tutto alla luce del sole.

In ogni caso i requisiti per partecipare rimarranno gli stessi. Quindi essere maggiorenni al momento della spesa, effettuare acquisti solo a titolo privato e non per uso professionale ma anche effettuare acquisti fisici e non via e-commerce. E il Supercashback da 1500 euro? Al momento sembra definitivamente sparito dal radar.