Francesca Neri, la terribile confessione: “Ho pensato al suicidio”

La moglie di Claudio Amendola ha lottato per anni con una malattia, Francesca Neri non nasconde di aver pensato al peggio

Francesca Neri
Claudio Amendola e Francesca Neri (@GettyImages)

Inizialmente un male invisibile, tutto iniziato con un lieve fastidio si è poi trasformata in un’Odissea per Francesca Neri. Quello che poi è diventato una cistite interstiziale ha tenuto l’attrice lontana dal suo lavoro per un bel po’ di tempo a causa dell’immenso dolore causato.

LEGGI ANCHE > > > Antonella Clerici, lo sfogo: “C’era tensione”. Cos’è successo

NON PERDERTI > > > Giulia Salemi e Cristiano Malgioglio, confessione inaspettata: “Non sta bene”

Dopo tanto tempo, l’attrice è tornata a parlare al Corriere cui ha raccontato ciò che ha vissuto: “È stato impossibile, volevo essere lasciata sola. Urologia, Agopuntura, ayurveda, nutropuntura, ozonoterapia. Fino al luminare che mi proponeva un massaggio intravaginale. Ma che mi faccio penetrare da uno sconosciuto?”. Per capire l’entità del suo problema la moglie di Claudio Amendola è passata per tanti medici e specialisti che non hanno fatto altro che alimentare il suo disagio.

LEGGI ANCHE > > > Temptation Island, la notizia ha sconvolto tutti: amatissima coppia si dice addio

Francesca Neri, l’amara confessione: “Ho pensato al suicidio”

Francesca Neri e Claudio Amendola (Getty Images)

Per l’attrice moglie di Claudio Amendola è stato un periodo veramente buio, tanto di aver pensato al peggio: “Ho accarezzato l’idea del suicidio. Ho passato mesi a giocare a burraco online di notte. Il mio lockdown è durato tre anni. E quando è arrivato per tutti, con la pandemia, sono stata meglio perché condividevo la situazione degli altri”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Marco Liorni scosso dal terribile lutto: l’annuncio sui social

Oltretutto, la preoccupazione di Francesca Neri era rivolta alla sua famiglia: “Dovevo proteggere Claudio e Rocco, mio figlio, altrimenti non ce l’avrei fatta nemmeno io, che sono il capofamiglia che si occupa di tutto. Di fatto sono stata via per tre anni, però c’ero, ero lì in casa con loro, ed è la cosa più terribile”.