Fabrizio Corona, attacco frontale a Del Piero: cosa è successo tra i due?

Fabrizio Corona, attacco frontale ad Alex Del Piero con una storia su Instagram: cosa è successo tra i due? Il pubblico non capisce

Fabrizio Corona
Fabrizio Corona (Getty Images)

In questi giorni Fabrizio Corona ha parecchie rivincite da prendere e alcuni nemici da attaccare. Il primo siluro è stato lanciato a Ilary Blasi, ‘colpevole’ di avere fatto registrare bassi ascolti con il suo nuovo show ‘Star in the star’, anche se lei ha preferito non replicare.

Il secondo invece ha un obiettivo preciso e un motivo che in realtà nessuno ha capito. Nelle ultime ore infatti Corona ha messo nel mirino via social anche Alessandro Del Piero, suo storico avversario in campo visto che lui notoriamente tifa Inter.

Fabrizio ha ripostato una normale foro dell’ex capitano juventino, accompagnandola con poche ma chiare parole. Ha evidenziato come Del Piero abbia un anno meno di lui, come se fosse una colpa, e che è anche ‘gobbo‘ l’insulto preferito dagli anti juventini. Poi però ha anche aggiunto l’emoji arcobaleno. Stranamente, o forse no, nel giorno in cui si è celebrato il Torino Pride con migliaia di persone a sfilare pacificamente per le vie del capoluogo.

Alessandro Del Piero
(Getty Images)

CLICCA QUI PER VEDERE LA STORIA 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> GF Vip 6, Manuel Bortuzzo e Lulù Selassié: esplode una nuova bomba

Fabrizio Corona, attacco frontale a Del Piero ma nessuno ha capito il motivo

In realtà Alex Del Piero da anni si è trasferito con tutta la famiglia (la moglie Sonia e i tre figli) a Los Angeles e quindi il suo legame con Torino è molto meno forte rispetto ad un tempo. Ma soprattutto nessuno ha capito il senso del post di Fabrizio Corona e che cosa volesse dire con quei riferimento al calciatore.

Fabrizio Corona
Fabrizio Corona (Instagram)

Chi ha buona memoria però ricorderà che i suoi rapporti con la Juventus e con la galassia Fiat sono sempre stati tormentati. Non ultima la vicenda della condanna a cinque anni di reclusione per estorsione aggravata a David Trezeguet e trattamento illecito di dati personali confermata dalla Cassazione nel 2013.