Dayane Mello, molestie e non solo davanti a tutti: arriva la squalifica!

Dayane Mello vittima di molestie davanti a tutti. Alla fine arriva la squalifica. 

Uomini e Donne, volto noto accusa Dayane Mello
Dayane Mello nella casa del Grande Fratello (Foto: Facebook)

Nel ranch de La Fazenda l’entusiasmo è alle stelle. I concorrenti non si sono trattenuti dal bere. E così trasportati dall’alcol e dalla musica a palla tutti i concorrenti non sono riusciti a contenere l’entusiasmo, bevendo anche più del dovuto. Idem Dayane Mello che si è lasciata trascinare dai festeggiamenti e si è abbandonata sul letto in preda all’ubriachezza.

Nego do Borel era sdraiato al suo fianco. E sebbene fosse stato richiamato da altri concorrenti preoccupati dallo stato della Mello ha fatto orecchie da mercante. Si è avvicinato alla modella in maniera piuttosto insistente senza considerare il fatto che fosse completamente ubriaca.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Amadeus-Orietta Berti, gaffe sul palco: la reazione del conduttore è tutta da ridere

Dayane Mello, molestie e non solo davanti a tutti: arriva la squalifica!

Dayane Mello
Dayane Mello (screenshot da Instagram)

Dopo il preambolo è doveroso passare a quanto accaduto nelle ultime ore. La modella si è trovata al centro di una spiacevole situazione subendo delle avances particolarmente pesanti da uno degli altri partecipanti che, secondo quanto riportato dalla testata Metròpoles e dall’ufficio stampa dell’artista, è stato allontanato dal reality affinché vengano fatti ulteriori accertamenti sul caso.

Lo staff di Nego do Borel in un comunicato stampa ha ribadito la necessità di fare luce sulla vicenda e che soprattutto venga fatta giustizia: “L’ufficio stampa di Nego do Borel informa ufficialmente la squalifica del cantante dal reality show La Fazenda. Il team legale dell’artista è attualmente in contatto con il team legale dell’emittente per verificare tutte le informazioni e si esprimerà in serata, quando avranno maggiori dettagli. Mettiamo in chiaro che siamo favorevoli a che sia fatta giustizia e chiediamo di evitare processi senza prove o basati su piccoli ritagli provenienti da internet”.