Rovereto, adesca la figlia della compagna e la violenta: arrestato

Le indagini condotte dai carabinieri di Rovereto hanno portato all’arresto del 36enne, accusato di violenza sessuale su minori e favoreggiamento della prostituzione minorile

Rovereto, adesca la figlia della compagna e la violenta
Minore abusata a Rovereto: 36enne arrestato (Pixabay)

E’ stato arrestato dai carabinieri di Rovereto, in Trentino Alto Adige, il 36enne che ha abusato di una minore. L’uomo ha adescato la ragazzina, 16enne, figlia di una compagna, fingendosi suo coetaneo. Attraverso l’app “Hangouts” le ha inviato foto intime per poi abusare di lei nel lockdown. Il 36enne avrebbe addirittura provato a corrompere un’amica della 16enne promettendole del denaro.

POTREBBE INTERESSARTI QUESTO ARTICOLO>>> Giacomo Sartori trovato impiccato nel Pavese: non si esclude alcuna ipotesi

TI CONSIGLIO DI LEGGERE ANCHE>>> Eitan, prima udienza a Tel Aviv: intesa tra le due famiglie, ma per ora resta in Israele

La ragazzina ha confidato tutto a sua madre dando il via ad una lunga indagine condotta dai carabinieri di Rovereto con il supporto del compartimento della polizia postale del Trentino Alto Adige. Le ricerche hanno portato i militari ad arrestare il 36enne con l’accusa di violenza sessuale su minori e favoreggiamento della prostituzione minorile. Sui dispositivi informatici dell’uomo, i carabinieri hanno rinvenuto la presenza di materiale a sfondo sessuale inviato alla sedicenne ed altro materiale pedopornografico.