Denise Pipitone, nuova svolta nell’inchiesta: le testimonianze sono chiare

Denise Pipitone, nuova svolta nell’inchiesta: le testimonianze sono chiare, passaggio chiave per chiedere alcune archiviazioni

Denise Pipitone, nuovi rinvii a giudizio
Denise Pipitone, scomparsa il primo settembre 2004 a Mazara del Vallo (foto Rai)

In questi giorni sta facendo molto discutere  l’archiviazione di due indagati nella nuova inchiesta sulla scomparsa di Denise Pipitone. Ma c’è anche una spiegazione, come ha ricostruito con dovizia di particolati ancora una volta un servizio di ‘Chi l’ha visto?‘ che segue la vicenda fin dall’inizio.

Partiamo da Giuseppe Della Chiave, già indagato e poi archiviato nella precedente  inchiesta sul rapimento di Denise. Colme si legge nelle carte, il suo presunto coinvolgimento che aveva attivato la nuova inchiesta nasceva di una dichiarazione falsa. Un testimone avrebbe visto lui e la compagna vicino alla di stazione di Mazara con una bambina.

Un elemento girato dall’ex pm Maria Angioni contenuto in una mail che le era arrivata e che lei aveva girato alla Procura. Il cellulare di Della Chiave è stato intercettato ma sono emersi elementi utili all’indagine né riscontri che confermassero quell’ipotesi.

Federica Sciarelli (foto Rai)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Denise Pipitone, quella pista è viva: in arrivo documenti importanti

Denise Pipitone, nuova svolta nell’inchiesta: perché Anna Corona è uscita dall’indagine?

Archiviata anche la posizione di Anna Corona, ex moglie di Piero Pulizzi che è anche il padre naturale della bimba scomparsa. Era stata indagata dopo la testimonianza di una persona che nel 2005 ha visitato lo stabile di via Pirandello nel quale la donna e le figlie avevano vissuto. Aveva notato nel garage un buco nel muro, poi risistemato, e quindi è scattata la perquisizione che però non ha prodotto nulla.

Denise Pipitone
La bambina al momento della scomparsa (via WebSource)

In seguito c’era stata anche la testimonianza di una donna romana che aveva detto di essere stata ospite nell’hotel Ruggero II dove lavorava la Corona. Diceva di avere visto una bimba dietro ad una tenda con due donne (una sarebbe stata la Corona). Poi però, messa alle strette, aveva ammesso di essersi inventata tutto, forse perché suggestionata dalla vicenda

Nella nuova indagine è stata ascoltato anche di nuovo Gaspare Ghaleb, all’epoca del rapimento di Denise fidanzato con Jessica Pulizzi, figlia della Corona. Anche per lui, nessun riscontro effettivo e nessun nuovi elemento.