Netflix, su Android è tutto gratis: l’insolita proposta della piattaforma

Al momento in fase di test, Netflix starebbe pensando di rendere il suo servizio gratis per gli utenti Android. Ma ci sono limitazioni

netflix
Il catalogo di Netflix potrebbe diventare gratuito in alcuni Paesi (websource)

Tantissime le novità alle quali sta lavorando Netflix nelle ultime settimane. Il catalogo è in continuo aggiornamento, con nuovi film e serie TV originali che potrebbero arrivare già nelle prossime settimane. Per attirare nuovi clienti, intanto, la piattaforma di Reed Hastings ha in mente un’altra strategia piuttosto insolita.

Al momento i test sono partiti in Kenya, ma non è detto che possano essere allargati al resto del mondo in futuro. Per Android, la visione dei contenuti nell’app diventerà gratuita. Basterà registrarsi e inserire la propria data di nascita: non è neppure richiesto un metodo di pagamento! Ma ci sono però alcune importanti limitazioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fortnite, altra collaborazione in arrivo: è uno dei brand più famosi al mondo

Netflix gratis su Android: ecco cosa si potrà fare

netflix
L’azienda ha una strategia chiara, ma ci saranno limitazioni (Getty Images)

Al momento si tratta solo di un test avviato in Kenya, con l’idea di vedere se una proposta di questo tipo possa attirare nuovi clienti. Su Android, sarà possibile accedere gratuitamente a Netflix, con alcune importanti limitazioni. Presente un quarto del catalogo totale, che comunque vuol dire avere a disposizione centinaia e centinaia di contenuti diversi. Tra le altre limitazioni, sarà possibile vedere film e serie TV esclusivamente su smartphone, senza poter trasmettere il segnale su altri dispositivi.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> WhatsApp, attenti a quello che scrivete: il rischio per tutti gli italiani

Lo scopo è quello di consentire una prova a costo zero, sperando poi che gli utenti decidano di sottoscrivere un abbonamento a pagamento. L’idea potrebbe in realtà essere quella di applicare una strategia analoga in Paesi dove il tasso di diffusione è ancora molto basso, escludendo dunque – tra gli altri – il’Italia.