Clementino sconvolge i suoi fan: “Vi spiego come mi sono rovinato”

Clementino sconvolge i suoi fan: “Vi spiego come mi sono rovinato”. Il cantante rap ha svelato particolari sul suo passato

Clementino
Clementino (Foto: Getty)

E’ stato una sorta di mascotte per la Nazionale italiana di calcio all’ultimo Europeo. Il rapper Clementino è molto amico di Lorenzo Insigne (soprattutto), Ciro Immobile e Gigio Donnarumma, i napoletani della squadra di Roberto Mancini. Le sue canzoni erano un classico anche durante l’ultima rassegna continentale e hanno finito per cementare un gruppo davvero molto coeso. Ora di lui si torna a parlare domani sera, martedì 21 settembre, in una puntata di ‘Buoni o Cattivi’. Il programma di approfondimento di Italia 1, prodotto da Videonews, condotta dalla bravissima Veronica Gentili, si concentra sempre sugli spaccati più particolari della realtà italiana. Attraverso la storia del cantante rap campano si analizzerà quella che è la situazione di un territorio piuttosto difficile. Luoghi dove il rapporto con la Camorra è all’ordine del giorno, come spiegato dallo stesso protagonista. Ragazzi che sfuggono ad una vita difficile, cercando un riscatto sociale che non sempre arriva.

Il bene e il male di Napoli, spaccata tra una bellezza mozzafiato e un’illegalità latente. Nella prossima puntata del format di Mediaset approfondirà anche la storia di Ugo Russo, morto a quindici anni mentre tentava una rapina con una pistola giocattolo.

LEGGI ANCHE >>> Giulia Salemi rimane intrappolata e scoppia a piangere: “Aiuto” – VIDEO

LEGGI ANCHE >>> Vladimir Luxuria, paura e lacrime: interviene la polizia – VIDEO

Clementino sconvolge i suoi fan: “Ho provato quasi tutte le droghe”

Rapper Clementino
Rapper Clementino (foto: Getty)

Veronica Gentili tratterà tutti i tempi più scottanti di Napoli con un figlio della sua terra, appunto Clementino. Il cantante ha vissuto da vicino le difficoltà di crescere in certi luoghi, finendo per essere rinchiuso in una comunità di recupero per tossicodipendenti. 

Da ragazzino ho fatto delle stupidaggini, delle piccole leggerezze. Sono cresciuto con la voglia di diventare qualcuno e mi sono sempre rifugiato nell’arte perché sapevo che ero quello il mio habitat naturale. Il palco è la mia anima. Volevo superare il disagio mentale che era dentro di me, quello in cui sai che stai crescendo in un posto così rischioso, solo per l’aria che respiri. Io abito nel triangolo della morte, Nola è al centro tra la provincia di Caserta, Acerra e Secondigliano, e ho visto gente morire di cancro per chissà quali rifiuti speciali sono stati sepolti lì”.

Nell’anticipazione dell’intervista a ‘Buoni e Cattivi‘, Clementino aggiunge:Da quando mi sono trasferito a Roma, a vivere da solo, ho cominciato a provare le droghe. Le ho testate quasi tutte, fino ad arrivare a toccare il fondo. Non mi sono presentato al lancio del mio nuovo album. Erano presenti tutti i giornalisti e io ho fatto avvisare da un mio amico che non sarei andato“.

Poi spiega:La cosa più cattiva che ho fatto è rovinare me stesso”. Da buon napoletano risponde anche ad una domanda su Maradona: “Quando mi ha rivisto, dopo un incontro che avevamo avuto anni prima, mi ha detto ‘ma dove eri finito?’. Questo mi ha dimostrato che si ricordava di me”.

>> CLICCA QUI PER VEDERE IL TRAILER DELL’INTERVISTA A CLEMENTINO >>>