Denise Pipitone, nuova decisione della Procura: parla il legale di Piera Maggio

Si ritorna a parlare del caso di Denise Pipitone scomparsa l’1 settembre del 2004 da Mazara del Vallo. Arriva una nuova decisione della Procura di Marsala

Denise Pipitone, nuova decisione della procura
Denise Pipitone. nuova decisione della Procura (Screenshot Rai Play)

Le indagini sulla scomparsa di Denise Pipitone avvenuta il primo settembre del 2004 da Mazara del Vallo continuano. Si tratta di uno degli episodi che ha sconvolto maggiormente gli italiani e non solo, sul quale bisogna assolutamente fare chiarezza.

Tra gli indagati è tornata sul banco degli inquirenti Anna Corona, madre di Jessica Pulizzi ed ex moglie del padre naturale di Denise. La donna è stata già processata e poi assolta per concorso nel sequestro della piccola. Ma intanto la Procura di Marsala ha adesso chiesto al gip l’archiviazione per Anna Corona e per Giuseppe Della Chiave.

POTREBBE INTERESSARTI QUESTO ARTICOLO>>> Barbara Palombelli, discorso in tv sui femminicidi e ipotesi “donne esasperanti”: scoppia la polemica

Caso Pipitone, la decisione della Procura di Marsala: nuova archiviazione

Denise Pipitone, nuova decisione della procura
Denise Pipitone, nuova decisione della Procura (Screenshot RaiPlay)

La Procura di Marsala ha chiesto al gip l’archiviazione per la mamma di Jessica Pulizzi e per Giuseppe Della Chiave. Questo ultimo indicato da zio Battista in una testimonianza. Secondo l’uomo, sordomuto, il giorno della scomparsa Denise era su uno scooter con Della Chiave.

TI CONSIGLIO DI LEGGERE ANCHE QUESTO>>> Richiami alimentari, ritirato formaggio di un noto marchio: il motivo

Come riportato da TGcom, a confermare la richiesta avanzata dalla Procura di Marsala, l’avvocato di Piera Maggio, madre di Denise. “Vedremo gli atti, nell’avviso non è neppure indicato il capo di imputazione. Lunedì faremo le copie degli atti, avremo 30 giorni per studiare questa mole di documenti, oltre 4.000 pagine che sono state prodotte in quattro mesi. I magistrati hanno fatto tanta attività, per certi versi è un segnale di attenzione sul caso. Io non ho dubbi sul procuratore capo e su chi collabora con lui”, ha dichiarato l’avv. Giacomo Frazzitta il quale ha proseguito: “A questo punto, valuteremo astrattamente la possibilità di fare opposizione. Abbiamo fatto delle indagini difensive, le depositeremo anche noi”.