Federica Pellegrini allo scoperto: “Sono pronta”. Fan in estasi

Federica Pellegrini allo scoperto poco prima di concludere per sempre la sua carriera come atleta: “Sono pronta”. Fan in estasi

La nuotatrice Federica Pellegrini ed il suo allenatore Matteo Giunta (foto Instagram).
Federica Pellegrini e il suo allenatore-compagno Matteo Giunta (foto Instagram).

L’acqua è stato il suo elemento vitale negli ultimi vent’anni ed è un cordone ombelicale impossibile da rescindere per una come lei. Ma Federica Pellegrini ha preso una decisione e non tornerà mai indietro. Quelle a cui sta partecipando in queste settimane a Napoli per la ISL saranno davvero le sue ultime gare e alla fine prenderà un’altra strada, dedicandosi di più a se stessa.

Lo ha confermato nella prima puntata di ‘Verissimo’, in programma sabato 18 settembre, che la vedrà come ospite. La Fede nazionale ammette che i cambiamenti non le fanno paura, anche se questo per lei è epocale, perché in tutta la sua vita hanno sempre rappresentato un’energia positiva.

Cambiare vita significa anche mettere su famiglia con Matteo Giunta, che è stato ed è ancora il suo allenatore ma adesso è soprattutto il suo grande amore. “Ha sofferto con me e mi ha sempre sostenuto. Se non ci fosse stato lui, avrei smesso di nuotare molti anni fa. Mi ha dato la forza per credere più in me stessa”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Federica Pellegrini (@kikkafede88)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Johnny Depp, triste scoperta sul suo passato: adolescenza difficile per l’attore

Federica Pellegrini allo scoperto: il ruolo fondamentale di Matteo nella sua vita

Pensare alla sua nuova vita con Matteo, significa anche finalmente dare vita ad un progetto importante, quello di diventare mamma: “Fino all’Olimpiade di Tokyo era impossibile pensare a una cosa del genere, c’era un veto assoluto per vari motivi . Adesso penso sia il momento giusto, anche se non programmo nulla”.

(Instagram)

In Giappone di fatto si è chiusa una lunga parentesi della sua vita e la Pellegrini ammette di essersela goduta fino in fondo anche se non è stato facile: “Noi atleti siamo visti spesso come robot che non sbagliano mai, preparati a tutto, ma non è vero. L’Olimpiade porta un livello di stress psicofisico altissimo che non tutti reggono. Gli attacchi di panico? Li ho tenuti sotto controllo, anche se non passano mai del tutto. Impari a conviverci e a combatterli, ma ci sono sempre”.