Barbara Palombelli, discorso in tv sui femminicidi e ipotesi “donne esasperanti”: scoppia la polemica

Sui social ha replicato: "Quando un uomo o una donna (ieri a Forum era la protagonista donna ad esercitare violenza sul coniuge) non controllano la rabbia, dobbiamo interrogarci".

A volte è lecito anche domandarsi: questi uomini erano veramente fuori di testa, obnubilati, oppure c’è stato un comportamento esasperante, aggressivo anche dall’altra parte?”. Sono le parole che Barbara Palombelli ha pronunciato ieri, giovedì 16 settembre, durante la puntata de Lo Sportello di Forum, commentando i femminicidi avvenuti negli ultimi sette giorni.

LEGGI ANCHE: Nuovo decreto green pass: tutte le novità a partire dal 15 ottobre

Parliamo di rabbia tra marito e moglie – ha detto riferendosi a una coppia presente in studio – Sette giorni, sette donne uccise presumibilmente da sette uomini”, ha aggiunto. E ancora: “È una domanda che dobbiamo farci per forza”. Il mondo dei social si è scatenato e da molte parti politiche sono arrivati commenti negativi nei confronti della giornalista.

Barbara Palombelli (@Facebook)

Palombelli ha replicato: “La violenza familiare, il crescendo di aggressività che prende il posto dell’amore, l’incomprensione che acceca e rende assassini, richiedono indagini accurate e ci pongono di fronte a tanti interrogativi. Quando un uomo o una donna (ieri a Forum era la protagonista donna ad esercitare violenza sul coniuge) non controllano la rabbia, dobbiamo interrogarci. Stabilire ruoli ed emettere condanne senza conoscere i fatti, si può fare nei comizi o sulle pagine dei social, non in tribunale. E anche in un’aula televisiva si ha il dovere di guardare la realtà da tutte le angolazioni”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Depuratori, situazione critica in Sicilia. Vignaroli (Ecomafie): “Percolato gettato in mare a Palermo”

Il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti del Laziocondanna le gravi parole di Barbara Palombelli sulla recrudescenza dei casi di femminicidio che costituiscono un’offesa non solo alla dignità di tutte le donne che subiscono violenza, ma trasgrediscono lo spirito delle regole deontologiche che ogni iscritto all’Albo dei giornalisti è tenuto a rispettare”.