Green pass obbligatorio per gli statali, ma si va verso l’estensione a tutto il mondo del lavoro

Giovedì in Cdm arriverà il provvedimento sul Green pass, mentre la maggioranza cerca di mediare sulle tempistiche da adottare per l’estensione del certificato ad altre categorie. Anche in ministro Giorgetti sposa la linea Draghi: “Dobbiamo garantire sicurezza alle aziende”.

0
Governo, via libera all'estensione del green pass
Mario Draghi (Foto: Getty)

Il governo sembra voler accelerare sull’estensione del Green pass nel mondo del lavoro, sia per quanto riguarda il settore pubblico che quello privato, come dimostra il nuovo decreto che già giovedì approderà in Cdm. Al momento saranno i dipendenti statali ad essere interessati all’estensione della norma, ma l’intenzione dell’esecutivo è quella di arrivare ad un accordo che includa anche il settore privato, possibilmente anche entro la fine della settimana.

In ambito statale dunque, i prossimi che verranno coinvolti dall’estensione del certificato verde saranno i lavoratori delle agenzie fiscali, degli organi costituzionali e gli enti culturali, a seguire anche fondazioni, enti di previdenza e istituti di ricerca.

Le parole di Giorgetti sul Green pass

Giancarlo Giorgetti, in Italia si studia per la produzione dei vaccini anti-Covid
Giancarlo Giorgetti – ministro dello Sviluppo (Instagram)

Ad incanalare la discussione verso l’estensione del Green pass ci ha pensato il ministro dello sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, esponente di spicco della Lega e rappresentante dell’ala più governativa del Carroccio, che proprio ieri ha confermato come questa sia un’ipotesi al vaglio della maggioranza. “Bisogna garantire la sicurezza delle aziende e di chi opera nei reparti”, ha dichiarato Giorgetti, andando in una direzione opposta rispetto a quella annunciata dal suo Segretario meno di una settimana fa, forte anche di un appoggio dei governatori leghisti che sul Green pass hanno dimostrato di avere un’idea diversa rispetto a quella di Salvini.

Per evitare che l’autunno porti un’ulteriore ondata di contagi dunque, l’obiettivo indicato dagli esperti è quello di raggiungere il 90%  di popolazione immunizzata entro un mese e mezzo, un limite temporale simile a quello che Draghi ha in mente per la presentazione di un provvedimento che imporrà l’utilizzo del green pass per tutte le categorie del mondo di lavoro.

Estensione del Green pass, solo una questione di tempo

Green Pass
Green Pass (Photo by Amir Levy/Getty Images)

Per quanto riguarda i lavoratori pubblici, in caso di mancato rispetto della normativa saranno previste anche delle sanzioni economiche e amministrative, che potranno comportare anche la sospensione dello stipendio. Per quanto riguarda i tribunali invece, il Green pass verrà esteso anche ai magistrati e a chi presta servizio all’interno della struttura, ma non includerà i testimoni e gli imputati, mentre per gli organi costituzionali sarà necessaria prima una norma che rinvii alla loro autonomia.

Si tratterebbe quindi ormai solo di una questione di tempistiche, dal momento che la strada delineata da Draghi sembra essere piuttosto chiara: non sarà ancora imposto l’obbligo vaccinale, ma un’estensione del Green Pass che coinvolgerà tutte le categorie professionali, pubbliche e private, nella speranza che questo provvedimento possa essere, in modo più o meno diretto, un fattore chiave per accelerare e potenziare la campagna vaccinale, prima che le temperature autunnali favoriscano l’ennesimo colpo di coda del virus.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui