Michael Schumacher, l’annuncio toccante dei figli: fan commossi

0

Michael Schumacher, l’annuncio toccante dei figli: fan commossi. Il nome del campione tedesco è tornato d’attualità per l’uscita della serie di Netflix

Schumacher
Michael Schumacher (Foto: Getty)

Tutti i tifosi della Ferrari e più in generale della Formula 1 non potranno mai dimenticare quello che Michael Schumacher ha fatto per questo sport. Il sette volte campione del mondo ha infranto ogni record (prima dell’arrivo di Hamilton) e ha segnato più di una generazione di piloti. Il suo stile è stato inconfondibile, così come il suo appeal sui fan internazionali. Adesso a distanza di quasi 8 anni dal maledetto incidente sulle nevi di Meribel (29 dicembre 2013) si torna a parlare di lui per la realizzazione del docu-film di Netflix, autorizzato e co-prodotto dalla famiglia del ‘Kaiser‘ tedesco. In attesa del 15 settembre, data di uscita ufficiale, il Corriere della Sera riporta le parole che i figli e la moglie dell’indimenticato campione hanno dedicato al familiare.

Mick, il primogenito e attuale pilota di Formula 1 sottolinea: “Se penso al passato vedo noi quattro che ci divertiamo da qualche parte, a fare karting, sulle carrozze trainate dai pony. È ingiusto che quei momenti non ci siano più. Io e papà abbiamo in comune una grande passione, mi piacerebbe parlare con lui di automobilismo, è un pensiero che non mi abbandona mai. Lui è sempre stato il mio eroe e speravo dentro di me che un giorno sarei diventato come lui”.

LEGGI ANCHE >>> Michael Schumacher come sta? L’aggiornamento fa sognare i fan

LEGGI ANCHE >>> Michael Schumacher, le toccanti parole di Corinna: fan commossi!

Michael Schumacher, l’annuncio toccante dei figli e della moglie: le anticipazioni sul docu-film di Netflix

Mick Schumacher
Mick Schumacher (Foto: Getty)

A fargli eco anche la più piccola, Gina Maria: “Il ricordo più bello è quando tornava a casa dopo le gare, ci chiedeva di raccontargli cosa avevamo fatto e ci ascoltava, trovava sempre tempo per stare un po’ con noi”.

Come sottolineato da Corinna, compagna di una vita: “Ora è arrivato il momento di proteggerlo come lui ha protetto noi per molti anni”. Schumi non è più lo stesso ma ha ancora vicino a sè l’amore di tutte le persone che gli vogliono bene. Tra queste anche un compagno di vittorie ai tempi della Ferrari, ovvero Jean Todt, direttore della Scuderia in quegli anni fantastici.

“Era riservato e timido, la sua scortesia era il modo per gestire la sua insicurezza”. Un modo indisponente di porsi che si è andato via via smussando con il passare degli anni, rendendolo più simpatico anche agli occhi della gente. Nel documentario vedremo anche i passi salienti della sua straordinaria carriera, dai primi passi nel mondo dei kart, fino all’esordio in Formula 1 nel 1991 a Spa. Le vittorie, le sconfitte (poche) e le sue storiche battaglie con avversari del calibro di Senna, Hill, Villeneuve, Hakkinen e Alonso. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui