Paola Ferrari, il grande rimpianto: “Mi dispiace non averlo fatto”

0

Una lunga intervista di Paola Ferrari in cui ripercorre la sua carriera ed ammette che c’è qualche rimpianto 

Paola Ferrari
(@Instagram)

Nel corso di una lunga intervista rilasciata a La Repubblica, Paola Ferrari, la conduttrice storica de La domenica sportiva, ha raccontato della sua carriera e dei rimpianti che si lascia alle spalle. Quella dei Mondiali in Qatar previsti per il 2022 sarà l’ultima apparizione della moglie di Angelo Ferrari ed è dunque arrivato il suo momento per tirare le somme.

LEGGI ANCHE > > > Uomini e Donne, è finita per l’ex tronista: “C’è chi dice bugie…”

NON PERDERTI > > > Una Vita, il calvario dell’attrice: “Ho avuto paura”

Una carriera fatta di più di 20 programmi cui ha preso parte, perlopiù sportivi, guidando la Nazionale italiana attraverso le più importanti competizioni calcistiche, ma c’è un ‘ma’: “Mi è dispiaciuto non condurre un talk show, avere una riconoscibilità maggiore che solo il giornalismo sportivo. La Domenica sportiva però è il mio orgoglio maggiore, il mio sogno da piccola quando guardavo Alfredo Pigna, Sandro Ciotti, Gianni Minà e la straordinaria Maria Teresa Ruta”.

LEGGI ANCHE > > > Grande Fratello Vip 6, amara sorpresa: non entrerà nella Casa

Paola Ferrari e la grande carriera: “Non tornerei indietro”

Paola Ferrari
(@Instagram)

Nel corso dell’intervista rilasciata a La Repubblica, Paola Ferrari ha più volte ripetuto la sua gratitudine al programma La domenica sportiva, ammettendo che avrebbe voluto una condizione: “Non tornerei indietro. Anzi sì, ma condizione di poterla presentare con Amadeus. Per anni a Radio Deejay parlavamo di calcio, siamo amicissimi, ma direi che ha troppo da fare”. Potrebbe questa zampata essere la previsione di un Sanremo 2022 con la sua presenza?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Adriano Celentano, la stilettata dell’ex collega: “Lavorare con lui? Inutile”

Proprio a proposito del suo futuro, la conduttrice milanese ha ribadito: “Credo che non tornerò indietro, bisogna sapersi reinventare”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui