Richiami alimentari, ritirati cracker per rischio fisico: attenzione alla marca

0

Nuovi richiami alimentari per i consumatori italiani. Infatti è stato ritirato dal mercato un lotto di cracker: scopriamo quali sono. 

Richiami alimentari
Ritirato un lotto di crackers (via Pixabay)

Il Governo italiano è sempre attento alla salute dei propri cittadini. Infatti per i consumatori sono sempre tanti i rischi per quanto riguarda i prodotti alimentari contaminati. I controlli su questi prodotti sono sempre tanti sia in Italia che negli altri paesi europei. Come specificato dal Ministero della salute sono tantissimi soprattutto i rischi chimici legati alla contaminazione dei cibi destinati alla vendita al dettaglio.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Variante Mu, quali sono le caratteristiche: lo spiega Pregliasco a iNews24

Sul proprio sito il Ministero della Salute, gli operatori del settore (OSA) hanno l’obbligo di informare i propri clienti sulla non conformità riscontrata negli alimenti in vendita. Inoltre in caso di contaminazione o rischi sono obbligati a ritirare dalla vendita i lotti incriminati. Sempre l’OSA poi dovrà provvedere al ritiro dal mercato del prodotto, sia con messaggi all’interno del punto vendita sia con nella relativa area del sito del ministero. Andiamo quindi a scoprire qual è l’ultimo prodotto ritirato dal mercato.

Richiami alimentari, un lotto dei crackers Bennet ritirato dal mercato: l’annuncio del Ministero

Richiami Alimentari
Un pacco di crackers della Bennet (via salute.gov.it)

Come si apprende dal sito istituzionale, nella sezione comunicazioni ufficiali, il Governo invita i cittadini a diffidare da alcuni riferimenti privati che non hanno la giusta attendibilità. Nello specifico, questa volta, l’OSA dovrà ritirare dal mercato un lotto di crackers della Bennet. L’OSA in questione è la ‘Nuova Industria Biscotti Crich SPA‘.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Il Patto di Marsiglia: Draghi e Macron si incontrano in un ristorante esclusivo

L’avvertimento del Governo si riferisce quindi al lotto che ha come scadenza la data 22 settembre 2022, con un peso dell’unità di vendita di 500gr. Infatti sul sito del Governo si fa riferimento alla possibile ‘Presenza di corpi estranei‘. Quindi nelle avvertenze, il sito ministeriale invita i cittadini a non consumare il prodotto e di riportare la confezione presso il punto vendita di riferimento.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui