Mario Draghi in conferenza stampa: il Governo verso il “sì” all’obbligo vaccinale

Il Governo va verso il sì all'obbligo vaccinale e alla somministrazione delle terze dosi di vaccino. Il punto sulla conferenza stampa da Palazzo Chigi.

0

Il Governo è a favore dell’obbligo vaccinale e della terza dose, Aifa permettendo. Lo ha annunciato il premier Mario Draghi in conferenza stampa in diretta da Palazzo Chigi. E l’uso green pass verrà esteso: “Il ministro Speranza ed io ne stiamo discutendo: l’orientamento è che verrà esteso ad altre categorie e settori lavorativi. Pere decidere quali faremo una cabina di regia”. Insieme a lui, anche i ministri Mariastella Gelmini, Enrico Giovannini, Roberto Speranza e Patrizio Bianchi.

LEGGI ANCHE: Terza dose vaccino, Massimo Galli a iNews24: “Non è urgente, vi spiego perché”

Mario Draghi: “Solidarietà a chi subisce la violenza dei no-vax”

Alle domande se arriverà o meno l’obbligo vaccinale e se si vada verso la somministrazione delle terze dosi, Mario Draghi ha risposto “” ad entrambe. All’indomani delle proteste flop contro il green pass, indette in 54 stazioni italiane, alle quali hanno partecipato pochissimi cittadini, il presidente del Consiglio ha espresso “solidarietà piena a tutti coloro che sono stati oggetto di violenza da parte dei no-vax, una violenza particolarmente odiosa e vigliacca quando fatta nei confronti di chi fa informazione e di chi è in prima linea a combattere la pandemia”.

RIVEDI LA DIRETTA:

Estensione del green pass

Per quanto riguarda il certificato verde, Draghi ha fatto sapere che sicuramente verrà estero ad altre categorie di lavoratori: “Con il ministro Speranza ne stiamo parlando e discutendo da un po’ di tempo. L’orientamento è che ci sarà un’estensione. Per decidere esattamente quali sono i vari passi, quali sono i settori che dovranno averlo prima, faremo una cabina di regia, come peraltro è stato chiesto dal senatore Matteo Salvini, ma la direzione è quella”.

(Getty Images)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Uragano Ida, almeno 10 le vittime. A New York proclamato lo stato di emergenza

La campagna vaccinale e il ritorno in classe in presenza

Sui numeri della campagna vaccinale, Mario Draghi si è detto “abbastanza fiducioso che si possa raggiungere l’obiettivo dell’80% per fine settembre”. Per quanto riguarda il ritorno in classe infine: “La scuola in presenza è sempre stata una priorità” e conclude: “Il 91,5% degli insegnanti ha ricevuto almeno una dose di vaccino”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui